Mercato del rame: il
quadro generale

Mercato del rame: il quadro generale

I fondi hanno ridotto le loro scommesse su un calo dei prezzi del rame, man mano che i venti contrari macroeconomici si attenuano e il mercato rivaluta collettivamente le dinamiche dell’offerta di rame. Il cambiamento di posizionamento è in atto dalla fine di ottobre, quando il rame a tre mesi del LME stava minacciando di rompere il supporto tecnico chiave ai minimi di maggio tra 7,867 e 7,871 dollari per tonnellata.

Il rimbalzo dei prezzi ha innescato un cambiamento di posizione tra i fondi a breve termine. Ma l’effetto è stato amplificato dalle aspettative che il ciclo di inasprimento dei tassi statunitensi abbia superato il suo picco e dai segnali che l’offerta di rame non sia così robusta come si pensasse in precedenza.

I gestori di fondi erano collettivamente corti di rame LME per un totale di 23.897 lotti alla fine di ottobre, quando sembrava che il prezzo potesse uscire dall’intervallo 2023 al ribasso. Da allora sono passati a un saldo netto di 18.146 contratti, secondo l’ultimo Commitments of Traders Report.

La scorsa settimana il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha dichiarato che la banca centrale statunitense ha probabilmente smesso di alzare i tassi di interesse, il che ha alleggerito parte della pressione che ha pesato sul rame negli ultimi mesi.

Questo cambiamento di umore macro ha coinciso con una serie di sviluppi rialzisti nelle dinamiche micro del rame. L’offerta di rame, ancora una volta, si sta rivelando molto meno resistente del previsto.

Jerome Powell ha dichiarato che la FED ha smesso di alzare i tassi di interesse, alleggerendo parte della pressione che ha pesato sul rame negli ultimi mesi”

Mercato del rame - Posizioni nette speculatori

Posizioni nette speculatori

Mercato del rame - Posizioni nette speculatori

Sebbene la maggior parte degli analisti sia quasi universalmente rialzista sulle prospettive a medio termine del rame, grazie al ruolo centrale del metallo nella storia della transizione energetica, le prospettive a breve termine erano significativamente diverse, a causa dell’aumento previsto dell’offerta nelle miniere quest’anno e il prossimo.

Tuttavia, la prospettiva di un surplus a breve termine sta svanendo rapidamente. Il primo segnale d’allarme è stato il basso costo del trattamento negoziato tra le fonderie e i minatori cinesi per le consegne del prossimo anno.

Le fonderie cinesi speravano almeno di poter rinnovare i termini di quest’anno, pari a 88 dollari a tonnellata e 8,8 centesimi per libbra per la conversione dei concentrati in metallo raffinato, ma hanno accettato una riduzione a 80 dollari e 8,0 centesimi rispettivamente per il 2024.

Posizioni nette speculatori

Lavoratori accendono una fornace in fonderia

Lavoratori accendono una fornace in fonderia.

Lavoratori accendono una fornace in fonderia

Lavoratori accendono una fornace in fonderia.

Il primo ribasso di questo tipo in tre anni ha significato l’ammissione reciproca che il mercato delle materie prime non sarebbe stato così ben rifornito come previsto. A pochi giorni dall’accordo sui termini di riferimento per gli smelter, un’importante miniera è stata costretta a chiudere, mentre due grandi produttori hanno ridotto le loro previsioni di produzione.

Il governo di Panama ha ordinato la chiusura della miniera Cobre Panama di First Quantum questo mese, dopo che il tribunale supremo del Paese ha stabilito che la licenza mineraria della società era incostituzionale.

La miniera è entrata in produzione nel 2019 e ha generato 350.000 tonnellate di rame contenuto lo scorso anno, il che significa che la sua perdita rappresenta un duro colpo per l’offerta globale. Sia Anglo American che la brasiliana Vale hanno abbassato le previsioni di produzione per il 2024 e il 2025.

“Il governo di Panama ha ordinato la chiusura della miniera Cobre Panama di First Quantum”

Anglo ha ridotto le sue previsioni di 180.000-210.000 tonnellate l’anno prossimo e di 150.000-180.000 tonnellate nel 2025, citando problemi geologici nella miniera di Quellaveco in Perù e la prevista chiusura temporanea di un impianto di lavorazione a Los Bronces in Cile.

L’aggiornamento delle indicazioni di Vale è stato meno drastico, ma sufficiente per indurre a togliere 100.000 tonnellate cumulative dalle loro previsioni di approvvigionamento delle miniere fino al 2026.

Non sono i soli ad aver rivisto i loro calcoli sull’offerta. Il consenso piuttosto rigido sul fatto che il rame si stesse dirigendo verso un periodo di surplus di domanda e offerta sia nel 2024 che nel 2025 si sta rapidamente dissolvendo.

Il nuovo consenso che sta emergendo è che il mercato dei concentrati, nella migliore delle ipotesi, sarà in equilibrio e forse in deficit l’anno prossimo, con implicazioni sul mercato dei prodotti raffinati. Gli investitori non sono ancora convinti di andare in acquisto sul rame. Gli spread del LME, attualmente in ampio contango, suggeriscono che non c’è un’immediata carenza di rame.

Ma il mutevole panorama statistico del rame ha convinto molti operatori finanziari che non ha molto senso aspettarsi che il rame scenda nell’immediato.

“Il nuovo consenso che sta emergendo è che il mercato dei concentrati, nella migliore delle ipotesi, sarà in equilibrio e forse in deficit l’anno prossimo, con implicazioni sul mercato dei prodotti raffinati”

Semilavorati in rame: diversi momenti della produzione e della lavorazione industriale CNC

Semilavorati in rame: diversi momenti della produzione e della lavorazione industriale CNC

Mercato del rame:
depositi

Mercato del rame: depositi

Sul fronte depositi, dall’8 dicembre si evidenzia una continua fase di flessione, con una performance negativa del 7,71%.

Mercato del rame - Depositi Rame LME in tonnellate

Depositi Rame LME in tonnellate

Mercato del rame - Depositi Rame LME in tonnellate

Nel frattempo, il rame russo continua ad affluire, incrementando la sua presenza nei magazzini LME, (40% in novembre rispetto al 27,30% di ottobre).

Si è parlato molto delle crescenti preoccupazioni sull’alluminio russo nei magazzini LME (stabile in novembre), ma ora sembra aggiungersi anche il rame a questo cupo scenario.

Depositi Rame LME in tonnellate

Mercato del rame - Depositi rame russo in % sul totale globale

Depositi rame russo in % sul totale globale

Mercato del rame - Depositi rame russo in % sul totale globale

Intanto, il rame cileno registra un calo del 12% sulla sua presenza nei magazzini LME, passando da 60% di ottobre al 48% di novembre.

Depositi rame russo in % sul totale globale

Mercato del rame - Depositi rame Cile in % sul totale globale

Depositi rame cileno in % sul totale globale

Mercato del rame - Depositi rame Cile in % sul totale globale

Depositi rame cileno in % sul totale globale

Mercato del rame:
le quotazioni

Mercato del rame: le quotazioni

Confrontando il mercato cinese (Shanghai) e quello europeo (LME cash) è possibile osservare un riallineamento delle quotazioni, con la chiusura di eventuali finestre di arbitraggio tra i due mercati.

Quotazione del rame - Confronto Rame LME con Rame Shanghai, €/ton

Quotazione del rame. Confronto Rame LME con Rame Shanghai, €/ton

Quotazione del rame - Confronto Rame LME con Rame Shanghai, €/ton

La situazione tecnica

Sul fronte grafico-tecnico i prezzi del rame LME 3 mesi $/ton hanno recuperato parecchio terreno rispetto ai minimi registrati il 23 ottobre, con un recupero dell’8,33%. La vicinanza della prima resistenza 8.630 $/ton potrebbe arrestare, almeno momentaneamente (1-2 giorni), ulteriori rialzi diretti.

Tuttavia, si attendono nel breve termine (gennaio 2024), nuove spinte al rialzo in direzione dei primi target fissati in zona 8.800 $/ton.

Quotazione del rame. Confronto Rame LME con Rame Shanghai, €/ton

Quotazione del rame - Rame LME 3 Mesi $/ton, grafico giornaliero al 27 dicembre 2023

Quotazione del rame. Rame LME 3 Mesi $/ton, grafico giornaliero al 27 dicembre 2023.

Quotazione del rame - Rame LME 3 Mesi $/ton, grafico giornaliero al 27 dicembre 2023

Sul fronte in euro, i prezzi del rame hanno reagito in maniera meno incisiva, per effetto rialzo del cambio euro/dollaro, che
ha compresso maggiormente la salita delle quotazioni in valuta unica.
Possibili risalite nel mese di gennaio 2024 verso i primi target posti in zona 7.900 €/ton.

Quotazione del rame. Rame LME 3 Mesi $/ton, grafico giornaliero al 27 dicembre 2023

Quotazione del rame - Rame Cash €/ton, grafico giornaliero al 22 dicembre 2023

Quotazione del rame. Rame Cash €/ton, grafico giornaliero al 22 dicembre 2023.

Quotazione del rame - Rame Cash €/ton, grafico giornaliero al 22 dicembre 2023

Quotazione del rame. Rame Cash €/ton, grafico giornaliero al 22 dicembre 2023.

Quotazione del rame - Rame Cash $-ton VS EuroBloomberg

Quotazione del rame. Rame Cash $/ton VS EuroBloomberg.

Quotazione del rame - Rame Cash $-ton VS EuroBloomberg

Sul fronte stagionale, una storicità che parte come base storica dal 1985, è possibile calcolare graficamente com’è variato mediamente il rame in gennaio, in un range compreso tra 0 e 100.

In questo caso è possibile osservare come i prezzi, da inizio mese, abbiano innescato mediamente una fase di rialzo, per poi restare a ridosso dei massimi del mese.

Quotazione del rame. Rame Cash $/ton VS EuroBloomberg.

Quotazione del rame - Stagionalità di gennaio

Quotazione del rame. Stagionalità di gennaio.

Quotazione del rame - Stagionalità di gennaio

Quotazione del rame. Stagionalità di gennaio.

FORECAST RAME PREZZO ATTUALE TARGET MESE
IN CORSO
TENDENZA
DEL MESE
Rame LME 3 mesi $/ton 8.628 $/ton 8.800 $/ton Laterale – Rialzista
Rame cash Bloomberg €/ton 7.780 €/ton 7.900 €/ton Laterale – Rialzista

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita

Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato il 27/12/2023.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita
  • Auto con motore EV, veicolo elettrico con alluminio

Alluminio: focus – Febbraio 2024

Metalli non ferrosi: performance mensili Metalli non ferrosi: performance mensili Nonostante il buon andamento delle ultime 3 settimane, il comparto dei metalli non ferrosi va verso la chiusura del mese di gennaio con un andamento misto. Le performance mensili delle quotazioni dei metalli non ferrosi cash in $ hanno registrato un andamento divergente, con l'alluminio primario, nichel, rame e zinco [...]

  • Rame in tubi

Rame: focus – Gennaio 2024

Mercato del rame: il quadro generale Mercato del rame: il quadro generale I fondi hanno ridotto le loro scommesse su un calo dei prezzi del rame, man mano che i venti contrari macroeconomici si attenuano e il mercato rivaluta collettivamente le dinamiche dell’offerta di rame. Il cambiamento di posizionamento è in atto dalla fine di ottobre, quando il rame [...]

  • Pila di lingotti di alluminio

Alluminio: focus – Dicembre 2023

Mercato alluminio: sanzioni alla Russia e rischi per il Green Deal europeo Mercato alluminio: sanzioni alla Russia e rischi per il Green Deal europeo A metà del mese di novembre, è giunta la notizia che la Commissione europea (CE) stia ultimando il suo 12mo pacchetto di sanzioni contro la Russia per l’attacco all’Ucraina, e sembra che siano state messe sul [...]

  • Metalmeccanico disegna il contorno di taglio su una lamiera di rame

Rame: focus – Novembre 2023

Mercato del rame: la debolezza della domanda occidentale e la forza della produzione cinese Mercato del rame: la debolezza della domanda occidentale e la forza della produzione cinese Il mercato del rame passerà dall’equilibrio tra domanda e offerta nel 2023 a un forte surplus di offerta l’anno prossimo, ha dichiarato l’International Copper Study Group (ICSG) dopo la riunione di Lisbona [...]

  • Speciale mercato dello stagno - Circuito stampato

Stagno: focus – Ottobre 2023

Mercato dello Stagno: domanda e approvvigionamento Mercato dello Stagno: domanda e approvvigionamento Le scorte di stagno del London Metal Exchange (LME) sono cresciute costantemente durante i mesi estivi e hanno raggiunto livelli visti l’ultima volta nell’aprile 2020. La ricostruzione è iniziata a giugno in reazione a una breve contrazione degli spread temporali del LME, ma è continuata anche [...]

Alluminio: focus – Settembre 2023

Mercato alluminio e scambi Russia / Cina: l'eccesso di offerta del materiale russo complica il pricing LME Mercato alluminio e scambi Russia / Cina: l'eccesso di offerta del materiale russo complica il pricing LME Uno degli argomenti, ricorrente negli ultimi mesi, è l’ansia dei buyers per la quotazione dell’alluminio LME. In particolare, si è parlato molto della potenziale incapacità dell’LME [...]