Mercato alluminio: arriva la decisione sui dazi
per il metallo russo

Mercato alluminio: arriva la decisione sui dazi per il metallo russo

I prezzi dell’alluminio al London Metal Exchange (LME) si sono alleggeriti della decisione degli Stati Uniti di imporre forti dazi sul metallo russo. Ad un anno dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, gli Stati Uniti hanno dichiarato che dal 10 marzo imporranno una tariffa del 200% sull’alluminio prodotto in Russia, vietando di fatto le importazioni di alluminio russo nel Paese.

Il produttore russo di alluminio Rusal rappresenta circa il 6% delle forniture globali, stimate a circa 70 milioni di tonnellate quest’anno. Nel 2018, le sanzioni del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti contro Rusal hanno congelato la maggior parte delle esportazioni dell’azienda, paralizzando la sua catena di approvvigionamento. Gli Stati Uniti hanno revocato queste sanzioni su Rusal all’inizio del 2019.

Le sanzioni imposte nel 2018 hanno innescato un’impennata dei prezzi dell’alluminio LME e del premio fisico duty-paid pagato dagli acquirenti sul mercato spot negli Stati Uniti in aggiunta ai prezzi LME.

“Gli USA imporranno una tariffa del 200% sull’alluminio prodotto in Russia, vietandone di fatto le importazioni nel Paese”

Alluminio P1020A – DDP Delivered Duty Paid – Olanda – Rotterdam euro/ton

Alluminio P1020A – DDP Delivered Duty Paid – Olanda – Rotterdam euro/ton

Alluminio P1020A – DDP Delivered Duty Paid – Olanda – Rotterdam euro/ton

I premi per l’alluminio statunitense, pari a circa 650 dollari la tonnellata, sono aumentati di oltre il 40% da ottobre, quando si è iniziato a parlare di dazi sul metallo russo.

Alluminio P1020A – DDP Delivered Duty Paid – Olanda – Rotterdam euro/ton

Alluminio premio Us MidWest – euro/ton

Alluminio premio Us MidWest – euro/ton

Alluminio premio Us MidWest – euro/ton

Le importazioni statunitensi di alluminio grezzo e leghe dalla Russia sono state pari a 191.809 tonnellate, ovvero circa il 4,4% degli oltre 4,4 milioni di tonnellate totali dello scorso anno, rispetto all’8,9% del 2018 e al 14,6% del 2017. È improbabile che i dazi sulle importazioni di alluminio della Rusal facciano una reale differenza sul mercato statunitense.

L’alluminio e gli altri metalli industriali sono completamente concentrati sul quadro macro. Il dollaro sta avendo un buon trend rialzista e questo non è positivo per i metalli.

Alcoa accoglie con favore l’imposizione di tariffe da parte del governo statunitense sull’alluminio russo, continuando a sostenere le sanzioni come il mezzo più efficace per il governo per agire contro la Russia e livellare il campo di gioco per i produttori statunitensi.

Alluminio premio Us MidWest – euro/ton

Come accennato prima l’alluminio sarà il più colpito con tariffe del 200% sulle importazioni di metallo russo, a partire dal 10 marzo, e sulle importazioni di qualsiasi prodotto di Paesi terzi contenente metallo russo, a partire dal 10 aprile.

I dazi sulle importazioni di altri metalli, come rame e piombo, raddoppieranno al 70%, mentre il nichel sarà soggetto a un dazio del 35%. Il pacchetto completo di sanzioni e misure commerciali, annunciato in occasione dell’anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina, riguarda oltre 100 metalli, minerali e prodotti chimici.

La reazione del mercato è stata contenuta. I dazi sull’alluminio erano ampiamente previsti e si tratta di misure commerciali unilaterali degli Stati Uniti, non di sanzioni formali come quelle imposte brevemente al produttore russo Rusal nel 2018 con un impatto caotico.

L’LME ha subito pressioni per sospendere tutte le consegne di alluminio russo nella sua rete di magazzini globali, ma ha rigettato la proposta a novembre. L’LME non ritiene che il recente annuncio degli Stati Uniti modifichi questa posizione, dato che molti consumatori statunitensi si erano già ‘autosospesi’ nei confronti del metallo russo.

“L’esplosione del contango, il più ampio dal 2013, è il grido del mercato che invita i finanziatori a raccogliere il metallo di riserva, in particolare quello russo”

Il prezzo dell’alluminio a tre mesi dell’LME è stato oggetto di una raffica di vendite nelle ore successive all’annuncio del 24 febbraio, in quello che è sembrato un dumping di massa dei marchi russi da parte dei finanziatori dei titoli.

Il risultato è stato un’esplosione del contango cash-tre mesi a 50,50 dollari per tonnellata alla chiusura settimanale, il più ampio dal 2013, quando c’erano oltre cinque milioni di tonnellate di scorte di alluminio LME da finanziare. Il divario si è ridotto marginalmente lunedì, quando lo spread temporale ha chiuso la giornata a 46,75 dollari per tonnellata.

Questa sorta di “super contango” è il grido del mercato che invita i finanziatori a raccogliere il metallo di riserva, in particolare quello russo. Alla fine di gennaio i magazzini LME contenevano 93.750 tonnellate di alluminio Rusal, pari al 41% delle scorte totali su garanzia, che ammontavano a 231.125 tonnellate.

Da allora le scorte in garanzia sono cresciute fino a 443.675 tonnellate, dopo una forte attività di garanzia nel porto malese di Klang (121.150 tonnellate) e nel porto sudcoreano di Gwangyang (107.900 tonnellate).

Le consegne a Gwangyang sarebbero costituite da alluminio russo consegnato da Glencore, che ha un accordo di off-take a lungo termine con Rusal.

<b>Port Klang</b> è il più importante porto della Malesia e a tutto il 2016 era l'11º nel mondo per quantità di merci trasportate. Si trova circa 38 km a sudovest della capitale Kuala Lumpur.

Port Klang è il più importante porto della Malesia e a tutto il 2016 era l’11º nel mondo per quantità di merci trasportate. Si trova circa 38 km a sudovest della capitale Kuala Lumpur.

Port Klang è il più importante porto della Malesia e a tutto il 2016 era l'11º nel mondo per quantità di merci trasportate. Si trova circa 38 km a sudovest della capitale Kuala Lumpur.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato di aver calibrato i propri dazi all’importazione “per imporre costi alla Russia riducendo al minimo i costi per i consumatori statunitensi”.

Le importazioni statunitensi di alluminio grezzo russo sono calate bruscamente dopo che il Paese ha imposto sanzioni a Rusal nel 2018, anche se sono state annullate l’anno successivo.

I flussi di metallo russo sono stati pari a 744.000 tonnellate nel 2017. L’anno scorso erano solo 209.000 tonnellate e la Russia era scesa al quinto posto tra i fornitori, secondo l’Aluminum Association.

Questo tonnellaggio dovrà essere sostituito da altri paesi fornitori, sostenendo il premio per il metallo fisico nel mercato statunitense.

Port Klang è il più importante porto della Malesia e a tutto il 2016 era l’11º nel mondo per quantità di merci trasportate. Si trova circa 38 km a sudovest della capitale Kuala Lumpur.

Depositi Alluminio LME – tons

Depositi Alluminio LME – tons

Depositi Alluminio LME – tons

Gli acquirenti asiatici, invece, possono acquistare metallo spot con un premio – in questo momento – di 90 dollari per tonnellata.

I consumatori statunitensi potrebbero subire un doppio colpo, dal momento che i dazi saranno estesi in aprile a qualsiasi prodotto in alluminio che includa il metallo russo, ovunque sia stato fabbricato. Gli Stati Uniti importano un’ampia gamma di prodotti semilavorati, tra cui fogli, tubi, fili, lamiere, barre e tondini.

Ma vale la pena ricordare che Rusal produce ogni anno quasi quattro milioni di tonnellate di alluminio, la maggior parte delle quali viene esportata. Solo una frazione di queste tonnellate viene importata direttamente negli Stati Uniti come metallo grezzo.

L’unica via d’uscita per i Paesi fornitori è che anch’essi impongano tariffe minime del 200% sulle proprie importazioni di alluminio russo. L’alluminio sembra ora far parte della più ampia frattura geopolitica che si sta aprendo in tutto lo spettro dei minerali critici, mentre l’Occidente cerca di ridurre la propria dipendenza da Cina e Russia.

Nel frattempo, come previsto in precedenza, il taglio della produzione di alluminio nella provincia dello Yunnan e la ripresa della domanda più debole del previsto hanno fatto sì che i prezzi del metallo si trovassero in una situazione di stallo. Sia i prezzi dei lingotti di alluminio primario che quelli delle leghe di alluminio sono rimasti in ombra fino ad oggi.

Il prezzo del Lingotto Di Alluminio 99,7%min In Magazzino – Shanghai – Cina resta in un range di prezzo compreso tra i 2.440 euro/ton e 2.580 euro/ton.

Depositi Alluminio LME – tons

Lingotto Di Alluminio 99,7%min In Magazzino – Shanghai – Cina euro/ton

Lingotto Di Alluminio 99,7%min In Magazzino – Shanghai – Cina euro/ton

Lingotto Di Alluminio 99,7%min In Magazzino – Shanghai – Cina euro/ton

Anche i prezzi delle leghe di alluminio non hanno subito variazioni. Il prezzo delle leghe di alluminio (ADC12) è stazionario a 2.707 euro/ton mentre quello delle leghe di alluminio A356 e A380 si attesta rispettivamente a 2.680 euro/ton e 2.844 euro/ton.

Lingotto Di Alluminio 99,7%min In Magazzino – Shanghai – Cina euro/ton

Lega di alluminio – pressofuso – ADC12 euro/ton

Lingotto Di Alluminio 99,7%min In Magazzino – Shanghai – Cina euro/ton

Lega di alluminio – pressofuso – ADC12 euro/ton

Anche i prezzi delle materie prime non hanno subito variazioni. Il prezzo dell’Allumina 98,5%min EXW – Cina oscilla tra area 402 euro/ton e 395 euro/ton.

Tuttavia, il rapporto di ricerca di CITIC Securities suggerisce che la scarsa offerta di alluminio a causa del taglio della produzione nello Yunnan porterà a un aumento dei prezzi. L’entità della riduzione della produzione di alluminio nella provincia dello Yunnan ridurrà probabilmente la capacità produttiva cinese di 700.000-800.000 tonnellate.

Lega di alluminio – pressofuso – ADC12 euro/ton

Lega di alluminio – A356 euro/ton

Lega di alluminio – A356 euro/ton

Lega di alluminio – A380 euro/ton

Lega di alluminio – A380 euro/ton

Lega di alluminio – A356 euro/ton

Lega di alluminio – A356 euro/ton

Lega di alluminio – A380 euro/ton

Lega di alluminio – A380 euro/ton

Mercato alluminio e dazi sul metallo russo:
rivalità e mosse
di Glencore Plc e Trafigura Group

Mercato alluminio e dazi sul metallo russo: rivalità e mosse di Glencore Plc e Trafigura Group

Nel frattempo il trader di materie prime Trafigura Group è in trattative per acquistare alluminio russo dalla United Co. Rusal International PJSC, evidenziando la sua volontà di stringere nuovi accordi con le aziende russe anche quando il suo maggiore rivale si oppone. Trafigura e Rusal stanno discutendo un contratto a termine per circa 150.000 tonnellate di alluminio con consegna in Cina.

La rivale di Trafigura, Glencore Plc, è da tempo il principale acquirente del metallo di Rusal e continua a gestire grandi volumi nell’ambito di un contratto pluriennale. Il rapporto con Rusal ha sostenuto per anni lo status di Glencore come commerciante di alluminio dominante a livello mondiale. Tuttavia, l’anno scorso l’azienda ha dichiarato di non voler intraprendere alcuna nuova attività di trading per le materie prime russe in seguito all’invasione dell’Ucraina, a meno che non le venga ordinato dalle autorità governative.

Trafigura non ha fatto alcuna promessa in tal senso, limitandosi a dire che rispetterà le sanzioni. Ha dichiarato di “condannare incondizionatamente la guerra”, ha posto fine ai contratti petroliferi a lungo termine con Rosneft PJSC e ha venduto la sua partecipazione in un importante progetto petrolifero russo.

Trafigura e Glencore sono rivali di lunga data con un patrimonio comune: Glencore è stata fondata dal leggendario commerciante Marc Rich, mentre Trafigura è stata creata nei primi anni ’90 da ex dirigenti di Marc Rich. Le due società si contendono la posizione di maggiore commerciante di materie prime al mondo in un momento in cui l’attività di acquisto, vendita e spedizione di risorse naturali in tutto il mondo non è mai stata così redditizia, grazie alle interruzioni causate dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Non ci sono sanzioni generalizzate che impediscano ai commercianti di trattare l’alluminio russo. Tuttavia, nell’ultimo anno alcuni hanno rinunciato a farlo per motivi etici o perché organizzare la logistica e i finanziamenti è diventato molto più difficile, dato che molte banche e compagnie di navigazione si rifiutano di fare affari con la Russia.

“Glencore e Trafigura si contendono la posizione di maggiore commerciante di materie prime al mondo in un momento in cui l’attività di acquisto, vendita e spedizione di risorse naturali in tutto il mondo – grazie alle interruzioni causate dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia – non è mai stata così redditizia.”

Anche alcuni acquirenti di alluminio, utilizzato nell’industria delle costruzioni, degli imballaggi e dei trasporti, hanno cercato di evitare le forniture dalla Russia, soprattutto in Europa.

Di conseguenza, Rusal è stata costretta a riorientare le proprie vendite: così come la Cina e l’India hanno aumentato gli acquisti di petrolio russo quando gli acquirenti europei si sono ritirati, la Cina è emersa come un partner chiave per la Russia nel settore dell’alluminio.

La Cina ha fornito a Rusal la materia prima fondamentale, l’allumina, dopo che le sanzioni avevano ostacolato le sue importazioni da altre fonti, e ha acquistato i suoi prodotti anche se la Cina è un importante produttore di alluminio a sé stante.

Sebbene Glencore abbia dichiarato di non voler intraprendere nuove attività in Russia, continua ad acquistare un’ampia quota della produzione di Rusal nell’ambito del contratto pluriennale preesistente, che probabilmente durerà fino alla fine del 2024. Inoltre, possiede ancora una partecipazione del 10,6% nella società madre di Rusal, EN+ Group International PJSC, e ha dichiarato che non esiste “un modo realistico di uscire” nell’attuale contesto.

“Il metallo russo non è soggetto a sanzioni”, ha dichiarato agli investitori all’inizio di questo mese Gary Nagle, amministratore delegato di Glencore. “Abbiamo un contratto esistente, che esisteva prima della guerra, e abbiamo detto che avremmo continuato a farlo – dobbiamo farlo, legalmente. Il metallo russo viene utilizzato in tutto il mondo”.

“Così come la Cina e l’India hanno aumentato gli acquisti di petrolio russo quando gli acquirenti europei si sono ritirati, la Cina è emersa come un partner chiave per la Russia nel settore dell’alluminio.”

Cosa aspettarsi
sul fronte prezzi

Cosa aspettarsi sul fronte prezzi

Performance positiva per l’alluminio cash in $ e € sia nell’ultima settimana che nelle ultime due. Dalla 3a settimana ai 3 mesi la performance diventa negativa, registrando nell’ultimo mese un calo del 7,75% ($/ton) e del -4,95% per le quotazioni in €/ton.

Prodotto Fixing Scadenza Ultimo 1 sett 2 sett 3 sett 1 mese 3 mesi 6 mesi 1 anno 3 anni 5 anni
Alluminio 14:15 $/ton Cash 2,361.50 2.36% 1.13% -3.02% -7.75% -3.75% 4.54% -38.68% 39.98% 13.40%
Alluminio 14:30 Bloomberg/ton Cash 2,225.42 1.93% 1.22% -2.37% -4.95% -4.26% -1.78% -36.79% 49.28% 31.38%
Prodotto Fixing Scadenza Ultimo 1 sett 2 sett 3 sett 1 mese 3 mesi 6 mesi 1 anno 3 anni 5 anni
Alluminio 14:15 $/ton Cash 2,361.50 2.36% 1.13% -3.02% -7.75% -3.75% 4.54% -38.68% 39.98% 13.40%
Alluminio 14:30 Bloomberg/ton Cash 2,225.42 1.93% 1.22% -2.37% -4.95% -4.26% -1.78% -36.79% 49.28% 31.38%

I prezzi dell’allumino a 3 mesi in $/ton quotati all’LME evidenziano un impostazione di medio termine ancorata ad un canale rialzista valido dai minimi dell’ottobre 2022, ma nel breve periodo i prezzi sono tornati a testare proprio la parte inferiore di questo canale.

Per le prossime settimane, non è escluso il rischio di assistere ad una violazione al ribasso proprio di questo livello (2.350 $/ton), alimentando in questo caso discese più profonde in direzione dei primi supporti posizionati in zona 2.300-2.250 $/ton.

Alluminio Lme 3M $/ton - Prezzi giornalieri

Alluminio Lme 3M $/ton – Prezzi giornalieri

Alluminio Lme 3M $/ton - Prezzi giornalieri

Le quotazioni in € si sono mosse in assetto laterale rispetto alle quotazioni in $, per effetto forza euro/dollaro degli ultimi mesi.

Anche in questo caso, seguendo la previsione dei prezzi in $, le quotazioni in € potranno cedere il passo ad eventuali ritracciamenti di breve termine verso quota 2.150 e 2.100 €/ton.

Alluminio Lme 3M $/ton – Prezzi giornalieri

Alluminio cash € Bloomberg/ton - Prezzi giornalieri

Alluminio cash € Bloomberg/ton – Prezzi giornalieri

Alluminio cash € Bloomberg/ton - Prezzi giornalieri

Deciso recupero per i depositi LME dell’alluminio, con una performance positiva di circa il +41%, attestandosi il 2 marzo a 564.700 tons.

Alluminio cash € Bloomberg/ton – Prezzi giornalieri

Alluminio depositi LME - giornalieri

Alluminio depositi LME – giornalieri

Alluminio depositi LME - giornalieri
FORECAST ALLUMINIO PREZZO ATTUALE
03/03/2023
TARGET MESE
IN CORSO
TENDENZA
DEL MESE
Alluminio LME 3 mesi $/ton 2.404 2.250 – 2.200 Laterale / Negativo
Alluminio cash Bloomberg €/ton 2.225,42 2.150 – 2.100 Laterale / Negativo

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita

Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato il 06/03/2023.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita

Alluminio: focus – Settembre 2023

Mercato alluminio e scambi Russia / Cina: l'eccesso di offerta del materiale russo complica il pricing LME Mercato alluminio e scambi Russia / Cina: l'eccesso di offerta del materiale russo complica il pricing LME Uno degli argomenti, ricorrente negli ultimi mesi, è l’ansia dei buyers per la quotazione dell’alluminio LME. In particolare, si è parlato molto della potenziale incapacità dell’LME [...]

  • Lamine di rame

Rame: focus – Agosto 2023

Mercato del rame: LME adotta una nuova metodologia per il calcolo dei limiti di prezzo Mercato del rame: LME adotta una nuova metodologia per il calcolo dei limiti di prezzo Il London Metal Exchange (LME) ha ridotto a partire dal 24 luglio, i limiti di prezzo giornalieri per i contratti a titolo definitivo in alluminio e rame al 12% dall’attuale [...]

  • Alluminio EN AW-2017A in lastre lavorate e applicate nel settore aeronautico, ottenute da AVIONAL 100 in vendita nei magazzini di Fratelli Carugo a Cinisello Balsamo (Milano)

Alluminio: focus – Luglio 2023

Mercato alluminio: le scorte di materiale russo e i rischi di una crisi istituzionale per LME Mercato alluminio: le scorte di materiale russo e i rischi di una crisi istituzionale per LME Non è una novità che il London Metal Exchange (LME) abbia registrato un forte aumento delle scorte di alluminio russo nei suoi magazzini. Tuttavia, l'aumento del metallo russo [...]

  • Semilavorati in acciaio inossidabile e nichel - Andamento mercato del nichel

Nichel: focus – Giugno 2023

Mercato del nichel: la situazione Mercato del nichel: la situazione Quest’anno il mercato del nichel dovrà far fronte a una massiccia eccedenza di offerta a causa dell’aumento della produzione indonesiana, che continua a superare la domanda globale. L’International Nickel Study Group (INSG) prevede un’eccedenza di offerta di 239.000 tonnellate, la più grande da almeno un decennio a questa parte e [...]

  • Lamine di rame

Rame: focus – Maggio 2023

Mercato del rame: approvvigionamento, produzione e domanda Mercato del rame: approvvigionamento, produzione e domanda I mercati dei metalli sembrano pensare che il rame sia il nuovo litio. La mancanza di nuove attività estrattive ha aumentato le preoccupazioni che non ci sarà abbastanza metallo rosso per la transizione energetica, un argomento molto popolare alla World Copper Conference di questa settimana a [...]

Stagno: focus – Aprile 2023

Il mercato dello stagno abbandona un 2022 turbolento ma domanda e offerta restano deboli Il mercato dello stagno abbandona un 2022 turbolento ma domanda e offerta restano deboli Secondo l'International Tin Association (ITA), lo stagno è ancora l'elemento "dimenticato" nella storia della transizione energetica. Il profilo della domanda del metallo si è evoluto dalle comuni lattine di stagno alle saldature [...]