Il nichel ha avuto
un anno tumultuoso

Il nichel ha avuto un anno tumultuoso

Il nichel ha avuto un anno tumultuoso a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia a febbraio e della compressione dei prezzi a breve termine a marzo, con la conseguente sospensione temporanea del commercio di nickel nell’LME. Le prospettive a breve termine per il nichel rimangono ribassiste, a causa del deterioramento del quadro macro e del prolungato surplus di mercato.

Il complesso dei metalli ha avuto un anno volatile. La maggior parte dei metalli ha registrato una buona performance nel primo trimestre, data la crescente incertezza dell’offerta dovuta all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Tuttavia, il rafforzamento del dollaro USA, l’aumento dei tassi e l’indebolimento della domanda a valle hanno pesato sui mercati dei metalli per il resto dell’anno.

Il nichel si è distinto in tutto il complesso, riuscendo a mantenere i guadagni di inizio anno. Tuttavia, il prezzo LME è sceso significativamente dai massimi dell’anno a marzo, in seguito a una stretta di breve durata, poiché i timori di recessione hanno minato il sentimento del mercato.

La volatilità sul mercato del nichel è diventata più comune negli ultimi mesi, con la riduzione della liquidità, dopo la stretta short registrata a marzo, quando i timori di sanzioni contro Norilsk Nickel hanno coinciso con un’enorme scommessa short da parte del più grande produttore di acciaio inossidabile del mondo, Tsingshan. I prezzi sono più che raddoppiati nel giro di pochi giorni. L’LME è stato costretto a sospendere le contrattazioni per una settimana e a cancellare scambi di nickel per miliardi di dollari.

In seguito, l’LME ha imposto per la prima volta dei limiti ai prezzi e ha introdotto dei requisiti per la divulgazione alla borsa delle operazioni effettuate fuori borsa attraverso i derivati.

Da allora i volumi dell’LME sono diminuiti, poiché molti operatori hanno ridotto l’attività o tagliato l’esposizione a causa della perdita di fiducia nell’LME e nel suo contratto sul nickel dopo la gestione della short squeeze di marzo. Da marzo i volumi sul contratto di nickel a tre mesi dell’LME sono stati pari al 30% dei livelli dei sei mesi precedenti il caos del mercato in seguito alla compressione dei prezzi.

“Da marzo i volumi sul contratto di nickel a tre mesi dell’LME sono stati pari al 30% dei livelli dei sei mesi precedenti il caos del mercato in seguito alla compressione dei prezzi.”

Miniera e concentratore di Nornickel a Bystrinsky

Bystrinsky: miniera e concentratore di Nornickel (credit: <a href=”//commons.wikimedia.org/w/index.php?title=User:NornickelPR&amp;action=edit&amp;redlink=1″ class=”new” title=”User:NornickelPR (page does not exist)”>Andrey Kuzmin</a> – <span class=”int-own-work” lang=”en”>Own work</span>, CC BY-SA 4.0, Link).

Miniera e concentratore di Nornickel a Bystrinsky

Questi bassi livelli di liquidità hanno lasciato il nickel esposto a forti oscillazioni di prezzo anche a fronte di piccoli spostamenti negli equilibri di domanda e offerta.

Di recente, i prezzi del nickel sul LME hanno avuto una breve impennata fino a raggiungere il limite di negoziazione giornaliero del 15%, sfiorando i 31.000 dollari/t, in seguito alla notizia di un’esplosione in un impianto indonesiano. I guadagni sono stati ridotti dopo che il proprietario dell’impianto ha negato qualsiasi incidente. Il giorno successivo il rialzo è stato del 5% dopo che una miniera di nichel in Nuova Caledonia, che rifornisce Tesla, ha tagliato le previsioni di produzione per il quarto trimestre.

Nel tentativo di stabilizzare la recente volatilità, l’LME ha dichiarato di aver intrapreso un “monitoraggio rafforzato” delle attività di trading dei partecipanti al mercato e di aver aumentato i margini iniziali per le contrattazioni di nichel del 28%, portandoli a 6.100 $/t.

L’LME ha recentemente difeso la sua decisione in un documento legale a seguito delle cause intentate da Elliott Investment Management e Jane Street, affermando che l’impennata dei prezzi del nichel dell’8 marzo avrebbe portato a richieste di margini per circa 19,75 miliardi di dollari se le transazioni non fossero state annullate. La borsa ha dichiarato che le analisi successive hanno dimostrato che almeno sette membri della compensazione sarebbero andati in default. La mattina dell’8 marzo, sei membri non avevano pagato i loro margini overnight, per un totale di 2 miliardi di dollari. La borsa ha dichiarato di vedere il rischio di una “spirale negativa” in assenza di cancellazioni degli scambi di nickel.

Si prevede che la volatilità a breve termine continuerà fino a quando l’LME non ricostruirà la fiducia nel contratto di riferimento del nickel, i volumi riprenderanno e il mercato recupererà la fiducia in esso.

Bystrinsky: miniera e concentratore di Nornickel (credit: Andrey KuzminOwn work, CC BY-SA 4.0, Link).

Nornickel - Movimentazione di un lotto di nichel a neutralità carbonica. Questa proprietà è stata resa possibile grazie alle misure dell'azienda per ridurre le emissioni di gas serra (CO2) in tutte le fasi della catena di produzione, dall'estrazione sotterranea del minerale alla lavorazione e raffinazione.

Movimentazione di un lotto del nichel a neutralità carbonica prodotto da Nornickel. La neutralità carbonica del nickel è stata resa possibile grazie alle misure dell’azienda per ridurre le emissioni di gas serra (CO2) in tutte le fasi della catena di produzione, dall’estrazione sotterranea del minerale alla lavorazione e raffinazione. (credit: nornickel.com).

Nornickel - Movimentazione di un lotto di nichel a neutralità carbonica. Questa proprietà è stata resa possibile grazie alle misure dell'azienda per ridurre le emissioni di gas serra (CO2) in tutte le fasi della catena di produzione, dall'estrazione sotterranea del minerale alla lavorazione e raffinazione.

Debolezza della domanda
da parte del settore
dell’acciaio inossidabile

Debolezza della domanda da parte del settore dell’acciaio inossidabile

La continua debolezza ha fatto sì che quest’anno il mercato globale del nichel sia in surplus. Tuttavia, l’eccedenza riguarda soprattutto il mercato di classe 2 (ferronichel e NPI). Il mercato LME deliverable di classe 1 è stato relativamente ristretto, con le scorte LME che sono diminuite di circa 50kt dall’inizio dell’anno e hanno recentemente toccato il minimo da 14 anni.

Le scorte LME riportate sono ora al di sotto delle tre settimane di consumo, un altro fattore che determina le oscillazioni di prezzo del contratto LME del nichel.

L’International Nickel Study Group (INSG) prevede che il nichel registrerà un’eccedenza di 144kt quest’anno e di altre 171kt nel prossimo. Storicamente, le eccedenze di mercato sono state legate al nichel di classe 1 consegnabile all’LME, ma nel 2023 l’eccedenza sarà dovuta principalmente alla classe 2 e ai prodotti chimici a base di nichel, in particolare il solfato di nichel, utilizzato nelle batterie.

Movimentazione di un lotto del nichel a neutralità carbonica prodotto da Nornickel. La neutralità carbonica del nickel è stata resa possibile grazie alle misure dell’azienda per ridurre le emissioni di gas serra (CO2) in tutte le fasi della catena di produzione, dall’estrazione sotterranea del minerale alla lavorazione e raffinazione. (credit: nornickel.com).

Mercato nichel - Speciale andamento prezzo e quotazione

Solfato di Nichel – Grado della batteria – Contenuto di Nichel 22% Euro/ton

Mercato nichel - Speciale andamento prezzo e quotazione

L’INSG ha anche tagliato le sue previsioni sulla domanda globale per quest’anno dall’8,6% di maggio al 4,2%, a causa del calo della produzione di acciaio inossidabile.

L’acciaio inossidabile è ancora fondamentale per la domanda di nichel, rappresentando il 70% del consumo totale di nichel.

Sebbene la domanda del settore delle batterie stia crescendo rapidamente, rappresentando al momento circa il 5% della domanda totale, non è sufficiente a compensare il rallentamento dei settori tradizionali come quello delle costruzioni.

Solfato di Nichel – Grado della batteria – Contenuto di Nichel 22% Euro/ton

Mercato del nichel:
il fronte cinese

Mercato del nichel: il fronte cinese

La rigida politica zero Covid ha danneggiato il settore edile del Paese e ha pesato sulla domanda di nichel. Tuttavia, di recente, sono cresciute le speranze che nuove misure di stimolo da parte della Cina possano rilanciare la domanda di metalli industriali dopo le mosse per sostenere il settore immobiliare del Paese e allentare le restrizioni sul Covid.

Il recente allentamento delle misure di quarantena legate al Covid da parte della Cina prevede una riduzione del periodo di quarantena per i viaggiatori in entrata e per i contatti stretti di coloro che sono risultati positivi al test, mentre i contatti secondari non dovranno più essere tracciati. La Cina sta inoltre spingendo per una maggiore vaccinazione degli anziani in seguito alle proteste per le rigide restrizioni imposte dal Covid in tutto il Paese, che probabilmente peseranno ulteriormente sul sentiment. Allo stesso tempo, il numero totale di casi in Cina rimane elevato, mentre Pechino ha registrato il primo decesso da Covid in sei mesi.

L’allentamento della politica cinese in materia di Covid avrebbe un effetto significativo sul mercato dell’acciaio e, di conseguenza, su quello del nichel. Tuttavia, si ritiene probabile che il governo si attenga alla sua politica di zero Covid per tutto l’inverno e che possa cercare di allentare ulteriormente alcune restrizioni solo dopo il Congresso Nazionale del Popolo che si terrà a marzo o aprile del prossimo anno.

Kuala Lumpur: lingotti di alluminio accumulati all’esterno di un deposito London Metal Exchange, nella zona franca di Port Klang (credit: REUTERS / Olivia Harris, marzo 2015).

Mercato nichel - Speciale andamento prezzo e quotazione

Mercato nichel Cina: le importazioni.

Mercato nichel Cina: le esportazioni.
Mercato nichel Cina: le esportazioni.

Mercato nichel Cina: le esportazioni.

Mercato nichel Cina: le esportazioni.
Mercato nichel - Speciale andamento prezzo e quotazione

Mercato nichel Cina: le importazioni.

Mercato nichel Cina: le esportazioni.
Mercato nichel Cina: le esportazioni.

Mercato nichel Cina: le esportazioni.

Mercato nichel Cina: le esportazioni.

Analizzando la bilancia commerciale di ottobre delle importazioni ed esportazioni di nichel della Cina è possibile osservare come le prime siano cresciute del 6,16% su base mensile e del +5,45% su base tendenziale, mentre le seconde mostrano un calo del 37,15% su base congiunturale e un aumento del 51,26% su base annuale.

Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le importazioni.

Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le importazioni.

Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le importazioni.
Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le esportazioni.

Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le esportazioni.

Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le esportazioni.
Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le importazioni.

Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le importazioni.

Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le importazioni.
Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le esportazioni.

Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le esportazioni.

Mercato Cina prodotti in acciaio o ferro: le esportazioni.

Situazione opposta per le importazioni ed esportazioni di prodotti in acciaio e ferro cinesi nel mese di ottobre. Le importazioni sono scese del 13,48% su base mensile e del -31,86% su base annuale. Le esportazioni invece sono salite del 4% su base congiunturale e del +15,11% su base tendenziale.

Nel frattempo, la produzione indonesiana di nichel sta aumentando per soddisfare la crescente domanda del settore delle batterie per veicoli elettrici (EV).

Secondo l’INSG, nei primi sette mesi del 2022 la produzione del Paese è aumentata del 41% rispetto all’anno precedente. La produzione annuale di 814.000 tonnellate ha rappresentato il 47% del totale globale, rispetto al 38% dello stesso periodo del 2021.

L’Indonesia è il più grande produttore di nichel al mondo e rappresenta il 38% dell’offerta globale raffinata. Il Paese detiene un quarto delle riserve mondiali del metallo e la maggior parte della produzione indonesiana è di purezza inferiore e viene utilizzata per l’acciaio inossidabile.

Secondo i dati dell’USGS, quest’anno l’Indonesia produrrà tra 1,25 e 1,5 milioni di tonnellate di nichel, oltre il 40% della produzione mineraria mondiale, stimata tra 3 e 3,2 milioni di tonnellate.

Fondata nel 1968, PT Vale Indonesia è una società mineraria con impianto integrato di lavorazione del nichel situato a Sorowako Block, East Luwu Regency, provincia di Sulawesi meridionale. L'estrazione del nichel in Indonesia iniziò con operazioni minerarie esplorative su piccola scala durante l'epoca delle Indie olandesi orientali, e iniziò ad espandersi negli anni '60. La maggior parte delle riserve comprovate di nichel dell'Indonesia si trovano nelle isole di Sulawesi e Halmahera e il paese ha la più grande produzione annuale e riserve di nichel al mondo.

Fondata nel 1968, PT Vale Indonesia è una società mineraria con impianto integrato di lavorazione del nichel situato a Sorowako Block, East Luwu Regency, provincia di Sulawesi meridionale. L’estrazione del nichel in Indonesia iniziò con operazioni minerarie esplorative su piccola scala durante l’epoca delle Indie olandesi orientali, e iniziò ad espandersi negli anni ’60. La maggior parte delle riserve comprovate di nichel dell’Indonesia si trovano nelle isole di Sulawesi e Halmahera e il paese ha la più grande produzione annuale e riserve di nichel al mondo.

Fondata nel 1968, PT Vale Indonesia è una società mineraria con impianto integrato di lavorazione del nichel situato a Sorowako Block, East Luwu Regency, provincia di Sulawesi meridionale. L'estrazione del nichel in Indonesia iniziò con operazioni minerarie esplorative su piccola scala durante l'epoca delle Indie olandesi orientali, e iniziò ad espandersi negli anni '60. La maggior parte delle riserve comprovate di nichel dell'Indonesia si trovano nelle isole di Sulawesi e Halmahera e il paese ha la più grande produzione annuale e riserve di nichel al mondo.

I rischi per l’offerta di metallo russo
sono ancora molti

I rischi per l’offerta di metallo russo sono ancora molti

L’LME ha deciso di non sospendere il nichel russo, ma la minaccia di sanzioni governative rimarrà in piedi fino a quando la guerra in Ucraina continuerà.

L’LME stava valutando la possibilità di vietare la consegna di metallo russo nei propri magazzini, di limitare i flussi russi o di non intraprendere alcuna azione. La borsa ha dichiarato che è probabile che ulteriori tonnellate di metallo russo saranno, col tempo, se non immediatamente, giustificate nella rete fisica dell’LME.

La Russia è il terzo produttore primario di nichel dopo l’Indonesia e la Cina e il maggior esportatore di nichel metallico raffinato, il tipo consegnabile all’LME. L’Europa è una delle principali destinazioni del metallo russo.

Tutto dipende da quanti operatori decideranno di non accettare il metallo russo nei loro contratti di fornitura per il 2023, a meno che non vi siano sanzioni governative. Se vedremo più metallo russo consegnato nei magazzini dell’LME, ciò potrebbe significare che i prezzi dell’LME vengono scambiati a livelli scontati rispetto al mercato reale.

Tuttavia, la LME ha dichiarato che la percentuale di metallo russo nei magazzini LME non è cambiata in modo significativo nel periodo del documento di discussione.

Nel 2013, il 65% delle scorte di nichel LME era di origine russa. Negli anni più recenti, la percentuale è oscillata tra lo 0 e il 20%. Secondo gli ultimi dati dell’LME, solo lo 0,5% del tonnellaggio di nichel attivo nei suoi magazzini era di origine russa.

L’LME ha dichiarato che pubblicherà un rapporto mensile, a partire da gennaio 2023, che fornirà la percentuale di tonnellaggio vivo di metallo russo in deposito, al fine di fornire maggiore trasparenza.

Fondata nel 1968, PT Vale Indonesia è una società mineraria con impianto integrato di lavorazione del nichel situato a Sorowako Block, East Luwu Regency, provincia di Sulawesi meridionale. L’estrazione del nichel in Indonesia iniziò con operazioni minerarie esplorative su piccola scala durante l’epoca delle Indie olandesi orientali, e iniziò ad espandersi negli anni ’60. La maggior parte delle riserve comprovate di nichel dell’Indonesia si trovano nelle isole di Sulawesi e Halmahera e il paese ha la più grande produzione annuale e riserve di nichel al mondo.

Cosa aspettarsi
sul fronte prezzi

Cosa aspettarsi sul fronte prezzi

Performance positiva per il nichel quotato in $ e in € sui vari contratti e su diversi orizzonti temporali:

Nichel Cash $

  • Performance a 1 settimana: +2,32%;
  • Performance a 2 settimane: -7,20%;
  • Performance a 3 mesi: +23,54%;
  • Performance a 1 anno: +29,84%.

Alluminio Cash € – Bloomberg

  • Performance a 1 settimana: +1,85%;
  • Performance a 2 settimane: -6,77%;
  • Performance a 3 mesi: +17,74%;
  • Performance a 1 anno: +41,67%.
Prodotto Fixing Scadenza Ultimo 1 sett 2 sett 3 sett 1 mese 3 mesi 6 mesi 1 anno 3 anni 5 anni 10 anni Calcolato
Nichel 14:15 $/ton 3M 26,510.00 2.26% -7.63% 9.73% 12.81% 23.59% 3.15% 30.59% 99.55% 144.11% 30/11/2022
Nichel 14:15 $/ton Cash 26,500.00 2.32% -7.20% 9.98% 13.44% 23.54% 3.31% 29.84% 100.00% 30/11/2022
Nichel 14:30 € Bloomberg/ton 3M 25,565.36 1.79% -7.21% 6.34% 7.75% 17.78% 4.04% 42.49% 113.19% 178.10% 30/11/2022
Nichel 14:30 € Bloomberg/ton Cash 25,555.72 1.85% -6.77% 6.59% 8.35% 17.74% 4.20% 41.67% 113.11% 30/11/2022
Nichel 16:00 € ECB/ton 3M 25,549.34 1.75% -7.31% 6.16% 7.72% 17.74% 3.70% 42.40% 113.11% 178.01% 30/11/2022
Nichel 16:00 € ECB/ton Cash 25,539.71 1.81% -6.87% 6.41% 8.33% 17.70% 3.86% 41.58% 113.59% 30/11/2022
Prodotto Fixing Scadenza Ultimo 1 sett 2 sett 3 sett 1 mese 3 mesi 6 mesi 1 anno 3 anni 5 anni 10 anni Calcolato
Nichel 14:15 $/ton 3M 26,510.00 2.26% -7.63% 9.73% 12.81% 23.59% 3.15% 30.59% 99.55% 144.11% 30/11/2022
Nichel 14:15 $/ton Cash 26,500.00 2.32% -7.20% 9.98% 13.44% 23.54% 3.31% 29.84% 100.00% 30/11/2022
Nichel 14:30 € Bloomberg/ton 3M 25,565.36 1.79% -7.21% 6.34% 7.75% 17.78% 4.04% 42.49% 113.19% 178.10% 30/11/2022
Nichel 14:30 € Bloomberg/ton Cash 25,555.72 1.85% -6.77% 6.59% 8.35% 17.74% 4.20% 41.67% 113.11% 30/11/2022
Nichel 16:00 € ECB/ton 3M 25,549.34 1.75% -7.31% 6.16% 7.72% 17.74% 3.70% 42.40% 113.11% 178.01% 30/11/2022
Nichel 16:00 € ECB/ton Cash 25,539.71 1.81% -6.87% 6.41% 8.33% 17.70% 3.86% 41.58% 113.59% 30/11/2022

Analizzando la situazione a livello grafico, dopo aver registrato un nuovo massimo da oltre sei mesi a quota 31.255 $/ton, i prezzi hanno innescato una fase di discesa fino in area 23.855 $/ton per poi stabilizzarsi in un range di prezzo tra quest’ultimo valore e area 27.470 $/ton.

Al momento il nichel risulta al di sopra di tutti le principali aree di resistenza (ora aree di supporto – medie mobili su diverse orizzonti temporali).

Possibili nuovi spunti al rialzo nel mese di dicembre in direzione dei primi target 28.500 $/ton.

Nickel Lme 3M $/ton - Prezzi giornalieri

Nickel Lme 3M $/ton – Prezzi giornalieri

Nickel Lme 3M $/ton - Prezzi giornalieri

Il rialzo del cambio euro/dollaro iniziato a fine settembre 2022 ha bloccato un maggior impulso delle quotazioni espresse in valuta unica, facendo risalire i prezzi con minor intensità (+11,20% rispetto ai prezzi di inizio novembre – rispetto al +14,57% per il rialzo registrato in $).

Per le prossime settimane, potranno palesarsi movimenti ascendenti, in sintonia con il potenziale recupero dei corsi in $, in direzione di 27.000 €/ton.

Nickel Lme 3M $/ton – Prezzi giornalieri

Nichel cash € Bloomberg/ton - Prezzi giornalieri

Nichel cash € Bloomberg/ton – Prezzi giornalieri

Nichel cash € Bloomberg/ton - Prezzi giornalieri

Analizzando il comportamento del nichel negli ultimi 30 anni è possibile osservare come nel mese di dicembre i prezzi si siano mossi costantemente al rialzo, avvalorando ulteriormente l’ipotesi rialzista, almeno nel breve termine.

Nichel cash € Bloomberg/ton – Prezzi giornalieri

Proiezione prezzi nichel in $/ton - Elaborazione Commodity Evolution

Proiezione prezzi nichel in $/ton – Elaborazione Commodity Evolution

Proiezione prezzi nichel in $/ton - Elaborazione Commodity Evolution

Proiezione prezzi nichel in $/ton – Elaborazione Commodity Evolution

Analizzando invece il comportamento della classe degli speculatori presenti sulla borsa di Londra, si può osservare come nell’ultimo periodo, dopo una fase decisamente negativa, le posizioni nette (acquisti-vendite) degli speculatori abbiano registrato un deciso recupero al rialzo.

Nel dettaglio, nell’ultima rilevazione le posizioni in acquisto sono salite del 3,26% mentre quelle in vendita sono scese del 5,99%. Le posizioni nette hanno recuperato 12.721 lotti, sviluppando una decisa crescita che si osserva sul grafico di seguito.

Posizioni nette speculatori - Elaborazione Commodity Evolution

Posizioni nette speculatori – Elaborazione Commodity Evolution

Posizioni nette speculatori - Elaborazione Commodity Evolution

Posizioni nette speculatori – Elaborazione Commodity Evolution

Metallo Data Speculatori C.o.t. Index
% var in acquisto % var in vendita Posizioni nette
Nichel 18/11/2022 3.26% -5.99% 35,104.00 71.01
Nichel 30/10/2022 -4.23% -4.91% 22,383.00 49.08
Nichel 30/09/2022 -5.04% -5.22% 22,406.00 49.12
Nichel 31/08/2022 -6.88% -4.55% 23,320.00 50.69
Nichel 31/07/2022 13.78% 15.60% 28,820.00 60.17
Metallo Data Speculatori C.o.t. Index
% var in acquisto % var in vendita Posizioni nette
Nichel 18/11/2022 3.26% -5.99% 35,104.00 71.01
Nichel 30/10/2022 -4.23% -4.91% 22,383.00 49.08
Nichel 30/09/2022 -5.04% -5.22% 22,406.00 49.12
Nichel 31/08/2022 -6.88% -4.55% 23,320.00 50.69
Nichel 31/07/2022 13.78% 15.60% 28,820.00 60.17
FORECAST PREZZO ATTUALE TARGET MESE IN CORSO TENDENZA DEL MESE
Nichel LME 3 mesi $/ton 27.180 € 28.000 $/ton Laterale / Positivo
Nichel cash Bloomberg €/ton 25.913 € 27.000 €/ton Laterale / Positivo

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita

Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato l’ 1/12/2022.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita
  • Nornickel - Spedizione nichel carbon neutral

Nichel: focus – Dicembre 2022

Il nichel ha avuto un anno tumultuoso Il nichel ha avuto un anno tumultuoso Il nichel ha avuto un anno tumultuoso a causa dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia a febbraio e della compressione dei prezzi a breve termine a marzo, con la conseguente sospensione temporanea del commercio di nickel nell'LME. Le prospettive a breve termine per il [...]

Alluminio: focus – Novembre 2022

Aumentano le pressioni sul LME per vietare il prodotto russo Aumentano le pressioni sul LME per vietare il prodotto russo Il London Metal Exchange sarebbe in difficoltà su come gestire la fornitura di metallo dalla Russia “sanzionata”. La preoccupazione continua ad essere accresciuta dal fatto che alcune nazioni, guidate dalla Cina, continuano ad essere interessate ad acquistare le scorte russe. [...]

  • Mopani, Zambia - Miniera di rame

Rame: focus quotazione e produzione mondiale – Ottobre 2022

Rame: la situazione sul fronte asiatico Rame: la situazione sul fronte asiatico Le principali fonderie di rame della Cina hanno fissato il prezzo minimo delle tariffe di trattamento e raffinazione del concentrato di rame (TCs/RCs) per il quarto trimestre rispettivamente a 93 dollari/tonnellata e 9,3 centesimi/lb, il livello più alto degli ultimi quattro anni. L’aumento dei TC/RC indica che [...]

Piombo: focus – Agosto 2022

Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Metals X ha pubblicato i risultati di quello che sembra essere stato un trimestre difficile su più fronti. Durante il secondo trimestre del 2022, dalla miniera di Renison sono state prodotte circa 2.154 tonnellate di stagno. Si tratta di un calo del 13% rispetto [...]

  • Russia, Bratsk: alluminio smelter

Alluminio: focus – Luglio 2022

Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 L’alluminio è sceso al suo minimo in quasi cinque mesi, quando i fondi istituzionali hanno tagliato le loro posizioni in acquisto a causa del rallentamento della domanda, anche se le [...]

Stagno: focus – Giugno 2022

Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Nonostante la forte ripresa della produzione, il mercato dello stagno è ancora pericolosamente a corto di offerta. Secondo l'International Tin Association (ITA) la produzione globale di stagno raffinato è aumentata dell’11%, raggiungendo le 378.400 tonnellate l’anno scorso. Ma se la produzione è [...]