Aumentano le pressioni sul LME
per vietare il prodotto russo

Aumentano le pressioni sul LME per vietare il prodotto russo

Il London Metal Exchange sarebbe in difficoltà su come gestire la fornitura di metallo dalla Russia “sanzionata”. La preoccupazione continua ad essere accresciuta dal fatto che alcune nazioni, guidate dalla Cina, continuano ad essere interessate ad acquistare le scorte russe.

In seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, sono entrate in vigore sanzioni formali e volontarie. Queste si sono concentrate principalmente sulle esportazioni russe di petrolio greggio, carburanti raffinati e altri beni. Tuttavia, il mondo è stato un po’ lento nell’imporre misure “punitive” contro l’offerta russa di metalli.

Se non ci fosse stata alcuna domanda in seguito alle proteste di tutti i paesi importatori, sarebbe stato facile per l’LME.

Tuttavia, alcuni Paesi, tra cui i consumatori europei di alluminio, hanno espresso disappunto per l’idea di un divieto. Le richieste sono arrivate nonostante i produttori occidentali abbiano attivamente chiesto di limitare le forniture da parte della Russia.

Vale la pena notare che la Russia produce il 6% dell’alluminio mondiale e rispettivamente il 5% e il 7% del rame e del nichel.

Molti addetti ai lavori continuano a temere che il metallo russo venga stoccato all’LME, provocando una distorsione dei prezzi a livello globale. Di conseguenza, alcuni operatori vogliono che l’LME smetta immediatamente di accettare il metallo russo.

La linea di frattura sull’importazione di metalli russi è finalmente emersa nelle ultime 2-3 settimane. È apparsa quando gli acquirenti hanno ordinato oltre la metà del rame presente nei magazzini LME (80%) per la consegna. Secondo questo rapporto, gli acquisti provenivano in gran parte da operatori che intendevano consegnarlo ai consumatori cinesi.

Un gruppo di consumatori europei, tra cui alcuni italiani, continua a pronunciarsi contro qualsiasi azione dell’LME contro le forniture di alluminio russo. Essi avvertono che un divieto o eventuali sanzioni imposte dal governo rappresenterebbero una “minaccia imminente e vitale” per l’industria europea dell’alluminio.

Tuttavia, è difficile prevedere quale sarà la posizione dell’LME in questo caso. La borsa gioca un ruolo fondamentale nel funzionamento quotidiano del mercato. Fornisce metalli quando c’è una carenza o li deposita nei suoi magazzini quando c’è un eccesso.

Inoltre, il timore di un eccesso di scorte è molto reale. Se l’LME continua ad accettare materiale russo indesiderato nei suoi magazzini e gli utenti non lo acquistano, si creerà un accumulo. Un evento del genere farebbe il giro dei canali di informazione sui metalli e influenzerebbe negativamente i prezzi.

Ad aggravare la situazione dell’LME ci sono segnali che indicano che i produttori russi vogliono anticipare eventuali restrizioni future aumentando le loro consegne ai magazzini dell’LME. Dalla scorsa settimana, circa 200.000 tonnellate di alluminio sono entrate nei magazzini dell’LME, un numero che gli esperti hanno definito “insolitamente alto”. Gran parte del materiale sembra provenire dall’India, ma ha fatto temere un accumulo di materiale russo.

“Un gruppo di consumatori europei, tra cui alcuni italiani, continua a pronunciarsi contro qualsiasi azione dell’LME contro le forniture di alluminio russo. Essi avvertono che un divieto o eventuali sanzioni imposte dal governo rappresenterebbero una minaccia imminente e vitale per l’industria europea dell’alluminio.”

Lingotti di alluminio presso un magazzino per depositi London Metal Exchange, nella zona franca di Port Klang (Kuala Lumpur).

Kuala Lumpur: lingotti di alluminio accumulati all’esterno di un deposito London Metal Exchange, nella zona franca di Port Klang (credit: REUTERS / Olivia Harris, marzo 2015).

Lingotti di alluminio presso un magazzino per depositi London Metal Exchange, nella zona franca di Port Klang (Kuala Lumpur).

In un recente documento di discussione, l’LME ha illustrato tre opzioni per i membri. Tra queste, l’opzione di continuare ad applicare il divieto o di fissare limiti di volume alla quantità di materiale russo accettato. Detto questo, alcuni esperti ritengono che la decisione possa uscire completamente dalle mani dell’LME. Dopo tutto, gli Stati Uniti continuano ad esaminare attivamente le opzioni per imporre tariffe o sanzioni sull’alluminio russo.

Aziende statunitensi come Alcoa sono state in prima linea nel chiedere un divieto. La rivale russa Rusal ha poi controbattuto a queste affermazioni, mettendo in guardia dalla volatilità dei prezzi di mercato.

Kuala Lumpur: lingotti di alluminio accumulati all’esterno di un deposito London Metal Exchange, nella zona franca di Port Klang (credit: REUTERS / Olivia Harris, marzo 2015).

Alluminio, tre possibili opzioni:
sanzioni, tariffe o divieto

Alluminio: tre possibili opzioni – sanzioni, tariffe o divieto

La notizia che gli Stati Uniti potrebbero prendere di mira l’alluminio russo come ritorsione per gli attacchi in Ucraina sta mettendo i brividi al mercato globale dei metalli, facendo rivivere il panico che seguì le precedenti sanzioni alla United Co. Rusal International PJSC solo quattro anni fa.

L’amministrazione Biden sta studiando tre potenziali misure dopo gli attacchi della Russia a Kiev e in altre città ucraine questa settimana. I commercianti stanno ora cercando di capire quali saranno le conseguenze di eventuali sanzioni.

Le sanzioni contro Rusal – la più severa delle tre opzioni – potrebbero bloccare ancora una volta il gigantesco produttore fuori dai mercati occidentali. Una mossa del genere potrebbe gettare scompiglio nel commercio globale e aggiungere pressione alle fabbriche europee già in difficoltà, che dipendono dall’alluminio russo molto più delle loro controparti statunitensi. Le altre due possibili strade, le tariffe sulle importazioni o il divieto totale sulle importazioni statunitensi, sarebbero meno dirompenti, ma potrebbero far sì che i produttori e i consumatori statunitensi finiscano per pagare di più.

L’alluminio, il metallo di base più utilizzato, ha già avuto un anno tumultuoso. I prezzi hanno raggiunto un record a marzo, ma sono crollati a causa del peggioramento delle prospettive economiche. Il mese scorso il mercato ha subito un’altra scossa dopo che Bloomberg ha riferito che il London Metal Exchange aveva intenzione di discutere il proprio divieto di nuove forniture russe.

“Le sanzioni contro Rusal potrebbero aggiungere pressione alle fabbriche europee già in difficoltà, che dipendono dall’alluminio russo molto più delle loro controparti statunitensi”

Shanghai, porto di Yangshan (il più importante al mondo): tornano i test di massa e aumentano i timori di nuovi lockdown nel paese, con Pechino che continua a insistere sulla politica covid zero.

Una raffineria Rusal in Siberia. Fondata nel 2007 dalla fusione di RUSAL, SUAL e del settore alluminio della Glencore, UC Rusal è la maggior produttrice mondiale di alluminio.

Shanghai, porto di Yangshan (il più importante al mondo): tornano i test di massa e aumentano i timori di nuovi lockdown nel paese, con Pechino che continua a insistere sulla politica covid zero.

Opzione delle sanzioni

Eventuali sanzioni che rendano difficile per Rusal fare affari in dollari potrebbero avere un impatto profondo sul commercio globale di alluminio, dove le transazioni sono in gran parte prezzate nella valuta statunitense. Rusal è un fornitore chiave per i produttori e i commercianti di tutto il mondo, ma soprattutto in Europa. Il gigante del commercio Glencore Plc ha un vasto contratto pluriennale per l’acquisto di alluminio da Rusal.

Mentre alcuni acquirenti hanno già cercato di evitare il metallo russo, le fabbriche europee fanno particolare affidamento su prodotti specializzati che possono essere difficilmente sostituibili.

Quando il Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato Rusal nel 2018, i produttori europei hanno svolto un ruolo significativo nell’esercitare pressioni per la rimozione delle sanzioni, e la saga è stata ampiamente considerata come un passo falso politico che ha trascurato quanto Rusal fosse fondamentale per la catena di approvvigionamento manifatturiero globale.

Le sanzioni potrebbero portare a una stretta delle forniture e a potenziali carenze in Europa, accelerando al contempo il riorientamento del metallo verso la Cina, dove Rusal vende in yuan. Ma l’azienda sarebbe probabilmente costretta a vendere con forti sconti e la Cina stessa è tipicamente un esportatore netto, quindi un aumento dei volumi dalla Russia potrebbe alla fine portare a un’inondazione di alluminio cinese in altri mercati asiatici.

Tariffe doganali

All’altro estremo dello spettro, la Casa Bianca potrebbe imporre tariffe punitive sull’alluminio russo, che potrebbero colpire i ricavi delle esportazioni russe, pur avendo un impatto attenuato sul mercato globale. La mossa sarebbe favorevole ai produttori di alluminio negli Stati Uniti, come Alcoa Corp. che ha esercitato pressioni contro il metallo Rusal. Ma i perdenti in questo scenario potrebbero essere gli acquirenti statunitensi, che già pagano pesanti tariffe per ottenere il metallo da oltreoceano. Il costo dell’approvvigionamento di metallo negli Stati Uniti potrebbe aumentare se gli acquirenti dovessero trovare sostituti per le importazioni russe che diventerebbero troppo costose con una tassa punitiva. Gli Stati Uniti dipendono ancora da circa il 10% delle loro importazioni dalla Russia, quindi la scarsità delle forniture nel breve termine potrebbe significare che gli utenti finali, come le aziende produttrici di bevande e le case automobilistiche, dovranno trasferire i costi più elevati all’americano medio.

Una raffineria Rusal in Siberia. Fondata nel 2007 dalla fusione di RUSAL, SUAL e del settore alluminio della Glencore, UC Rusal è la maggior produttrice mondiale di alluminio.

Rusal: alluminio a elevata purezza, prodotto con elettrolisi a 3 strati presso le fonderie di alluminio di Krasnoyarsk e Sayanogorsk.

Rusal: alluminio a elevata purezza, prodotto con elettrolisi a 3 strati presso le fonderie di alluminio di Krasnoyarsk e Sayanogorsk. (credit foto sopra e immagine di apertura: rusal.ru).

Rusal: alluminio a elevata purezza, prodotto con elettrolisi a 3 strati presso le fonderie di alluminio di Krasnoyarsk e Sayanogorsk.

Divieto assoluto su alluminio

La terza opzione sarebbe un divieto assoluto sulle vendite di alluminio russo negli Stati Uniti, simile a quelli che l’Unione Europea e gli Stati Uniti stanno per imporre sulle vendite di petrolio greggio. Anche in questo caso, l’impatto principale sarebbe la protezione dei produttori di alluminio statunitensi e i prezzi potenzialmente più alti per le fabbriche locali. A prima vista, tali misure potrebbero avere un impatto minore sui flussi commerciali globali perché, a differenza delle sanzioni, le restrizioni non si estendono oltre gli Stati Uniti.

Tuttavia, come nel caso del greggio, c’è il rischio di un impatto più ampio nel caso in cui gli Stati Uniti decidano di imporre misure che impediscano ai commercianti di facilitare la vendita di alluminio russo a paesi terzi.

Le misure proposte potrebbero anche avere importanti implicazioni sul flusso di metallo in entrata e in uscita dalla rete globale di magazzini dell’LME. Questo mese la borsa ha avviato una discussione per bloccare potenzialmente le nuove consegne di metallo russo nei suoi depositi, con conseguenze significative per i produttori e i consumatori russi in tutto il mondo. Indipendentemente da queste discussioni, le sanzioni dirette costringerebbero l’LME ad adottare misure per bloccare le nuove consegne di metallo Rusal, come ha fatto nel 2018.

Le scorte nei magazzini dello ShFE e del London Metal Exchange erano insieme di 171.797 tonnellate, pari ad appena 2,5 giorni di consumo globale.

Ad agosto, la produzione cinese di catodi di rame è stata inferiore alle aspettative a causa delle limitazioni di energia elettrica nelle province di Zhejiang e Anhui, delle restrizioni del COVID-19 e della scarsità di offerta di rottami. Anche le interruzioni dell’offerta dovute a problemi di liquidità presso Maike, il principale importatore di rame in Cina, hanno causato una certa tensione sul mercato. Tuttavia, il mercato è rimasto volatile perché un dollaro più forte, favorito dalla stretta monetaria negli Stati Uniti, potrebbe rendere il rame più costoso da importare e danneggiare il premio all’importazione.

Rusal: alluminio a elevata purezza, prodotto con elettrolisi a 3 strati presso le fonderie di alluminio di Krasnoyarsk e Sayanogorsk. (credit foto sopra e immagine di apertura: rusal.ru).

Alcoa, Aurubis e Hydro
contro il metallo russo

Alcoa, Aurubis e Hydro contro il metallo russo

Tre diversi produttori di metalli chiedono ai governi di Europa e Stati Uniti di adottare misure più severe per impedire al metallo prodotto in Russia di conquistare quote di mercato in quelle regioni.

Dopo il produttore statunitense di alluminio Alcoa, anche il produttore tedesco di rame Aurubis e il produttore norvegese di alluminio Hydro hanno espresso le loro preoccupazioni ai legislatori o alle autorità di regolamentazione del commercio nei due continenti. Tutte e tre le aziende hanno attività sia in Europa che in Nord America.

A metà ottobre Alcoa ha fatto “pressioni sulla Casa Bianca” per bloccare le esportazioni di alluminio russo negli Stati Uniti, citando gli attacchi di artiglieria della Russia su obiettivi civili. All’epoca, l’amministrazione Biden stava prendendo in considerazione misure di restrizione delle importazioni di alluminio, “compreso l’eventuale blocco di Rusal”, il produttore di alluminio con sede in Russia, dalla vendita dei suoi prodotti negli Stati Uniti.

“L’abolizione delle normali relazioni commerciali, avvenuta ad aprile, ha permesso agli Stati Uniti di applicare i dazi sulle importazioni dalla Russia fino al gennaio 2024”

Roland Harings, amministratore delegato Aurubis

Roland Harings, amministratore delegato di Aurubis (credit: aurubis.com).

Roland Harings, amministratore delegato Aurubis

Roland Harings, amministratore delegato di Aurubis (credit: aurubis.com).

Le preoccupazioni di Harings (amministratore delegato di Aurubis) erano legate in parte all’afflusso di metallo nei magazzini dell’LME, un problema che la borsa ha ammesso di stare studiando.

Hilde Merete Aasheim, amministratore delegato di Hydro

Hilde Merete Aasheim, amministratore delegato di Hydro (credit: hydro.com).

Hilde Merete Aasheim, amministratore delegato di Hydro

Hilde Merete Aasheim, amministratore delegato di Hydro (credit: hydro.com).

Merete Aasheim (alluminio Hydro) ha dichiarato:

“Vogliamo sollecitare sanzioni sia in Europa che negli Stati Uniti” contro il metallo russo, in quanto gode di un vantaggio in termini di bassi costi energetici. “La nostra industria europea chiude, mentre vediamo la produzione russa allo stesso livello di prima dell’invasione, quindi ne stanno beneficiando”.

Gli utilizzatori di alluminio non sono stati altrettanto rapidi nell’abbracciare queste tattiche, anche se l’attuale impopolarità della Russia sulla scena mondiale ha probabilmente impedito alle associazioni di categoria del settore manifatturiero e automobilistico di rilasciare commenti pubblici sulla situazione.

I maggiori trader puntano su un
rialzo dei prezzi

I maggiori trader puntano su un rialzo dei prezzi

I trader di alluminio stanno compiendo scommesse audaci sul mercato delle opzioni per posizionarsi in vista di un’impennata dei prezzi nel corso dell’anno, mentre il mondo dei metalli valuta la possibilità di restrizioni sulle forniture russe.

Come descritto nelle pagine precedenti, il London Metal Exchange sta discutendo formalmente la possibilità di vietare il metallo russo, mentre il governo degli Stati Uniti sta valutando una serie di potenziali restrizioni sull’alluminio in particolare, tra cui possibili sanzioni al gigante minerario United Co. Rusal International PJSC. Il dibattito ha diviso il mercato dell’alluminio: alcuni consumatori evitano categoricamente la produzione russa, mentre altri ne dipendono.

Da quando Bloomberg ha riportato per la prima volta i piani dell’LME a fine settembre, lo spread tra la volatilità implicita delle put e delle call sull’alluminio a fine mese è aumentato, il che significa che gli operatori stanno pagando di più per ottenere call che pagheranno se i prezzi saliranno.

Alla fine del mese scorso, lo spread tra le call e le put near-the-money, mostrava che il mercato stava valutando maggiormente le put, dato che il deterioramento delle prospettive macroeconomiche pesava sui prezzi. Ora, la preferenza per le call ha raggiunto livelli visti solo due volte nella storia recente: nel 2018, quando le sanzioni su Rusal hanno fatto impennare i prezzi, e a marzo, quando la Russia ha invaso l’Ucraina.

C’è sicuramente un’agitazione significativa tra le persone che cercano di mettere le mani sulle opzioni call (paga se il prezzo sale). Implicitamente, questo è un riflesso della preoccupazione del mercato rispetto alle sanzioni sui materiali russi, sia da parte dell’LME che della Casa Bianca.

Il rischio per gli acquirenti di queste richieste è che la LME e la Casa Bianca decidano di non imporre alcuna restrizione. Un sondaggio globale condotto da Bloomberg tra i trader ha mostrato che il dibattito sta polarizzando il mondo dei metalli, con alcuni produttori che si rifiutano di prendere l’alluminio russo per motivi etici, mentre gli acquirenti di alcuni settori non possono fare a meno di usarlo.

“C’è una significativa agitazione del mercato per mettere le mani sulle opzioni call, riflesso della preoccupazione rispetto alle sanzioni sui materiali russi. Il rischio per gli acquirenti di queste richieste è che LME e Casa Bianca decidano di non imporre alcuna restrizione”

Mercato in deficit
con produzione in calo

Mercato in deficit con produzione in calo

Le scorte totali di alluminio primaio sono diminuite nel corso degli otto mesi, chiudendo a 598 mila ton al di sotto dei livelli di fine 2021. Il rapporto sui bilanci dei metalli da gennaio ad agosto 2022, pubblicato da WBMS, indica che il mercato dell’alluminio primario ha chiuso in deficit di 797 mila ton. Questo segue un deficit di 1,603 mln ton registrato per l’intero anno precedente.

La produzione globale di alluminio nei primi otto mesi dell’anno in corso è diminuita di quasi 12 mila ton rispetto all’anno precedente. La produzione cinese, con 26,472 mln ton, ha rappresentato quasi il 59% della produzione globale di alluminio. Le esportazioni nette cinesi di semilavorati in alluminio sono aumentate significativamente del 26% nel periodo gennaio-agosto 2022, rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente.

La domanda è diminuita di 349 mila ton rispetto all’analogo periodo di otto mesi del 2021, attestandosi a circa 45,99 mln ton. La domanda apparente cinese è diminuita dello 0,9% rispetto al periodo gennaio-agosto 2021. La domanda giapponese è aumentata di 46 mila ton, mentre quella statunitense ha registrato un modesto incremento di 490 mila ton.

Le scorte totali del metallo sono diminuite nel corso degli otto mesi, chiudendo a 598 mila ton al di sotto dei livelli di fine 2021. Le scorte di Shanghai sono aumentate durante il mese di agosto di quest’anno e hanno chiuso il periodo 119 mila ton al di sotto dei livelli di fine 2021. Nel frattempo, le scorte LME hanno chiuso a 633 mila ton a fine agosto, rispetto alle 1,213 mln ton di fine 2021.

Nel settembre 2022 la produzione di alluminio primario è stata di 5,702 mln ton mentre la domanda si è attestata a 5,813 mln ton.

“L’abolizione delle normali relazioni commerciali, avvenuta ad aprile, ha permesso agli Stati Uniti di applicare i dazi sulle importazioni dalla Russia fino al gennaio 2024”

Produzione Cina acciaio grezzo - Elaborazione Commodity Evolution

Produzione Cina alluminio grezzo (elaborazione Commodity Evolution).

Produzione mondiale acciaio grezzo - Elaborazione Commodity Evolution

Produzione mondiale alluminio grezzo (elaborazione Commodity Evolution).

Prodotto Fixing Scadenza Ultimo 1 sett 2 sett 3 sett 1 mese 3 mesi 6 mesi 1 anno 3 anni
Alluminio 14:15 $/ton Cash 2,277.00 -1.70% 2.67% 0.00% -2.71% -9.56% -21.72% -17.70% 22.53%
Alluminio 14:30 Bloomberg/ton Cash 2,248.47 -0.55% 1.38% -1.98% -2.72% -6.34% -16.94% -3.73% 37.19%
Prodotto Fixing Scadenza Ultimo 1 sett 2 sett 3 sett 1 mese 3 mesi 6 mesi 1 anno 3 anni
Alluminio 14:15 $/ton Cash 2,277.00 -1.70% 2.67% 0.00% -2.71% -9.56% -21.72% -17.70% 22.53%
Alluminio 14:30 Bloomberg/ton Cash 2,248.47 -0.55% 1.38% -1.98% -2.72% -6.34% -16.94% -3.73% 37.19%

Performance negativa per l’alluminio quotato in $ e in € su diversi orizzonti temporali:

Alluminio Cash $

  • Performance a 1 settimana: -1.70%;
  • Performance a 2 settimane: 2,67%;
  • Performance a 3 mesi: -9.56%;
  • Performance a 1 anno: -17.70%.

Alluminio Cash €

  • Performance a 1 settimana: -0.55%;
  • Performance a 2 settimane: 1,38%;
  • Performance a 3 mesi: -6.34%;
  • Performance a 1 anno: -3.73%.
Alluminio Lme 3M $/ton - Prezzi giornalieri

Alluminio Lme 3M $/ton – Prezzi giornalieri

Alluminio Lme 3M $/ton - Prezzi giornalieri

Analizzando la situazione a livello grafico, dal mese di marzo i prezzi hanno perso circa l’80% (dai massimi a 4.072 $/ton ai prezzi attuali 2.257 $/ton – del 2 novembre 2022). Tuttavia, molti indicatori suggeriscono un deciso rallentamento dell’attuale clima negativo. Infatti, la potenziale formazione di un triangolo (iniziato da fine agosto 2022) e l’evidente divergenza positiva dell’indicatore MACD rispetto all’andamento decrescente dei prezzi, suggeriscono potenziali rimbalzi almeno nel breve termine. In questo contesto, primi segnali in tal senso saranno da ricercare alla violazione al rialzo di quota 2.350 $/ton, con potenziali allunghi in direzione dei target posti in zona 2.450 $/ton e 2.600 $/ton.

Alluminio Lme 3M $/ton – Prezzi giornalieri

Alluminio cash € Bloomberg/ton - Prezzi giornalieri

Alluminio cash € Bloomberg/ton – Prezzi giornalieri

Alluminio cash € Bloomberg/ton - Prezzi giornalieri

Sul fronte euro, la potenziale reazione del cambio €/$ potrebbe limitare l’eventuale reazioni dei prezzi espressi in valuta unica.

Quindi, l’avvio di rimbalzi dei prezzi in $ oltre la prima resistenza posta in area 2.350 $/ton favorirebbe analoghi allunghi anche per i corsi in €, in direzione di 2.330 €/ton verso area 2.450 €/ton.

Alluminio cash € Bloomberg/ton – Prezzi giornalieri

FORECAST ALLUMINIO PREZZO ATTUALE TARGET MESE IN CORSO TENDENZA DEL MESE
Alluminio LME 3 mesi $/ton 2.260 € 2.350 € – 2.450 € Laterale / Negativo
Alluminio cash Bloomberg €/ton 2.277 € 2.330 € – 2.450 € Laterale / Negativo

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita

Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato il 02/11/2022.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita

Alluminio: focus – Novembre 2022

Aumentano le pressioni sul LME per vietare il prodotto russo Aumentano le pressioni sul LME per vietare il prodotto russo Il London Metal Exchange sarebbe in difficoltà su come gestire la fornitura di metallo dalla Russia “sanzionata”. La preoccupazione continua ad essere accresciuta dal fatto che alcune nazioni, guidate dalla Cina, continuano ad essere interessate ad acquistare le scorte russe. [...]

  • Mopani, Zambia - Miniera di rame

Rame: focus quotazione e produzione mondiale – Ottobre 2022

Rame: la situazione sul fronte asiatico Rame: la situazione sul fronte asiatico Le principali fonderie di rame della Cina hanno fissato il prezzo minimo delle tariffe di trattamento e raffinazione del concentrato di rame (TCs/RCs) per il quarto trimestre rispettivamente a 93 dollari/tonnellata e 9,3 centesimi/lb, il livello più alto degli ultimi quattro anni. L’aumento dei TC/RC indica che [...]

Piombo: focus – Agosto 2022

Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Metals X ha pubblicato i risultati di quello che sembra essere stato un trimestre difficile su più fronti. Durante il secondo trimestre del 2022, dalla miniera di Renison sono state prodotte circa 2.154 tonnellate di stagno. Si tratta di un calo del 13% rispetto [...]

  • Russia, Bratsk: alluminio smelter

Alluminio: focus – Luglio 2022

Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 L’alluminio è sceso al suo minimo in quasi cinque mesi, quando i fondi istituzionali hanno tagliato le loro posizioni in acquisto a causa del rallentamento della domanda, anche se le [...]

Stagno: focus – Giugno 2022

Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Nonostante la forte ripresa della produzione, il mercato dello stagno è ancora pericolosamente a corto di offerta. Secondo l'International Tin Association (ITA) la produzione globale di stagno raffinato è aumentata dell’11%, raggiungendo le 378.400 tonnellate l’anno scorso. Ma se la produzione è [...]

Acciaio e ghisa: focus e forecast – Maggio 2022

Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il mercato globale dell’acciaio ha continuato a crescere nell’ultimo mese, dopo che l’interruzione della fornitura di ghisa in Ucraina e Russia ha portato a un’impennata dei costi delle materie prime. La ghisa è una delle materie prime chiave nella produzione dell’acciaio [...]