Rame: la situazione
sul fronte asiatico

Rame: la situazione sul fronte asiatico

Le principali fonderie di rame della Cina hanno fissato il prezzo minimo delle tariffe di trattamento e raffinazione del concentrato di rame (TCs/RCs) per il quarto trimestre rispettivamente a 93 dollari/tonnellata e 9,3 centesimi/lb, il livello più alto degli ultimi quattro anni.

L’aumento dei TC/RC indica che i mercati locali hanno un’offerta elevata di concentrato di rame. La maggior parte delle fonderie cinesi detiene elevate scorte di materie prime e si prevede che la domanda nel quarto trimestre sarà inferiore a quella del terzo.

Le tariffe per il trattamento sono aumentate nel 2022 con l’aggiunta di nuovi progetti o l’espansione della produzione a livello globale. I minatori di rame pagano le tasse sotto forma di TC/RC alle fonderie per trasformare il minerale in metallo raffinato e la tariffa concordata gioca un ruolo fondamentale nel determinare la redditività di entrambe le parti. I TC/RC aumentano in genere quando aumenta l’offerta di concentrato di rame.

Il prezzo minimo per i TC/RC fissato per il Q4 dal China Smelters’ Purchase Team (CSPT) è superiore agli 80 dollari/ton e agli 8 centesimi/lb concordati per il Q3 e il Q2, e ai 70 dollari/ton e ai 7 centesimi/lb concordati per il Q1.

Gli elevati TC dei concentrati di rame rimangono un motivo fondamentale per cui le fonderie sono incoraggiate a mantenere alta la produzione. La produzione cinese di rame raffinato dovrebbe aumentare a settembre, grazie alla ripresa della produzione da parte delle fonderie nazionali dopo l’allentamento delle restrizioni COVID-19 e della carenza di energia elettrica.

Dopo aver raggiunto nuovi massimi a marzo 2022, i prezzi del rame sono scesi del 21% dall’inizio dell’anno e senza avvicinarsi ai massimi storici toccati all’inizio di marzo. Il rallentamento della crescita globale e il dollaro forte, che rende il rame più costoso nel resto del mondo, hanno compromesso l’ipotesi rialzista basata su scorte storicamente basse e su solidi fondamentali di domanda a lungo termine.

Si prevede un piccolo surplus sul mercato del rame per quest’anno, ma a partire dal 2023 prevede un deficit crescente che raggiungerà un picco di circa 9 milioni di tonnellate entro la fine del decennio, a causa dell’accelerazione della domanda “guidata principalmente dai consumi legati alla transizione verde”.

Una significativa pipeline di nuovi progetti porterà ulteriore rame sul mercato, in particolare in Cile, Perù, Australia e Canada e si prevede anche che alcuni dei principali problemi di approvvigionamento in America Latina si attenueranno nei prossimi anni. A partire dal 2026 circa, tuttavia, questi miglioramenti nell’offerta saranno sempre più superati dalla crescita della domanda dovuta alla transizione globale verso un’economia verde.

Tuttavia ci potrebbero essere una serie di fattori di rischio che potrebbero oscurare queste rosee previsioni a lungo termine, tra cui

  • un ulteriore rafforzamento del dollaro se la stretta della politica monetaria statunitense dovesse accelerare,
  • un’ulteriore regolamentazione da parte del governo cinese per ridurre i prezzi delle materie prime,
  • una risoluzione più stabile di alcune tensioni industriali in America Latina e
  • un’adozione più rapida del previsto del riciclo del rame.

“Si prevede un piccolo surplus sul mercato del rame per quest’anno, ma a partire dal 2023 prevede un deficit crescente che raggiungerà un picco di circa 9 milioni di tonnellate entro la fine del decennio, a causa dell’accelerazione della domanda guidata principalmente dai consumi legati alla transizione verde.”

Rame: la situazione
in Cina

Rame: la situazione in Cina

Il premio a pronti per il rame in Cina, il principale consumatore, potrebbe rimanere elevato nei prossimi mesi, poiché la domanda del metallo è migliorata grazie agli stimoli governativi.

Il premio spot per il rame raffinato era di 85,25 dollari a tonnellata il 29 settembre, in aumento di 20 dollari a tonnellata rispetto all’inizio del mese di settembre. Il premio, che viene pagato in aggiunta ai prezzi del rame quotati nelle borse, fornisce un’indicazione dell’equilibrio tra domanda e offerta nel mercato cinese del rame fisico.

Rame, Cina: premio spot per il rame raffinato

Rame Grado A CIF Shanghai dollaro/ton

Rame, Cina: premio spot per il rame raffinato

Negli ultimi mesi la Cina ha emesso prestiti per migliaia di miliardi di yuan e ha speso per le infrastrutture, che sono un forte utilizzatore di rame, nel tentativo di rilanciare la sua economia che è stata colpita dalle restrizioni della COVID-19 e dal rallentamento dell’economia globale.

Il mercato immobiliare cinese è stato gravemente danneggiato, soprattutto quest’anno, ma gli altri settori sono in buona salute. Il premio per il rame resterà ancora a un livello relativamente alto.

La domanda di rame raffinato in Cina è aumentata del 5% su base annua nel terzo trimestre e si prevede un’accelerazione fino a una crescita del 9% su base annua nel periodo ottobre-dicembre.

Il tasso di utilizzo medio delle acciaierie di rame in Cina è salito attualmente al 70%, dal 62% di inizio agosto, mentre quello degli impianti di tubi di rame è salito al 67% dal 64% nello stesso periodo.

Nell’industria manifatturiera, altro grande consumatore di rame, i dati ufficiali hanno mostrato che a settembre l’attività delle fabbriche è tornata inaspettatamente a crescere dopo due mesi di contrazione.

Il mercato cinese ha trovato sostegno nel miglioramento della domanda, che contrasta con la scarsa domanda dei mercati non cinesi e manterrebbe aperta la finestra di arbitraggio delle importazioni.

La Cina ha importato 3,9 milioni di tonnellate di rame raffinato nei primi otto mesi del 2022, con un aumento del 26% rispetto all’anno precedente. Le scorte visibili in Cina, che comprendono i metalli presso lo Shanghai Futures Exchange e i magazzini doganali cinesi, hanno raggiunto il minimo storico di 118.697 tonnellate.

Le scorte nei magazzini dello ShFE e del London Metal Exchange erano insieme di 171.797 tonnellate, pari ad appena 2,5 giorni di consumo globale. Ad agosto, la produzione cinese di catodi di rame è stata inferiore alle aspettative a causa delle limitazioni di energia elettrica nelle province di Zhejiang e Anhui, delle restrizioni del COVID-19 e della scarsità di offerta di rottami.

Anche le interruzioni dell’offerta dovute a problemi di liquidità presso Maike, il principale importatore di rame in Cina, hanno causato una certa tensione sul mercato. Tuttavia, il mercato è rimasto volatile perché un dollaro più forte, favorito dalla stretta monetaria negli Stati Uniti, potrebbe rendere il rame più costoso da importare e danneggiare il premio all’importazione.

Rame Grado A CIF Shanghai dollaro/ton

Rame Cina, importazioni ed esportazioni - Elaborazione Commodity Evolution

Rame Cina, importazioni ed esportazioni (Elaborazione Commodity Evolution)

Rame Cina, importazioni ed esportazioni su base annua - Elaborazione Commodity Evolution

Rame Cina, importazioni ed esportazioni su base annua (Elaborazione Commodity Evolution)

Rame Cina, importazioni ed esportazioni - Elaborazione Commodity Evolution

Rame Cina, importazioni ed esportazioni (Elaborazione Commodity Evolution)

Rame Cina, importazioni ed esportazioni su base annua - Elaborazione Commodity Evolution

Rame Cina, importazioni ed esportazioni su base annua (Elaborazione Commodity Evolution)

Rame: sul fronte
minerario

Rame: sul fronte minerario

L’amministratore delegato di Rio Tinto Plc, Jakob Stausholm, ha chiarito che l’offerta per rilevare la società che sta dietro a una delle più grandi miniere di rame del mondo è definitiva.

Parlando durante un’intervista presso la sede di Bloomberg News a New York, Stausholm ha riferito che il secondo minatore al mondo ha fatto un’offerta completa per acquisire la piena proprietà di Turquoise Hill Resources Ltd. Rio non farà altre offerte se verrà rifiutata dagli azionisti di minoranza, nonostante le critiche di un investitore di primo piano che ha affermato che l’offerta ha sottovalutato il progetto.

I commenti arrivano settimane dopo che Rio ha accettato di rilevare la quota del 49% di Turquoise Hill che non possiede ancora, in un accordo valutato a circa 3,3 miliardi di dollari. Ha dichiarato Stausholm:

“Non so cosa vogliano ottenere i singoli azionisti, ma credo che abbiamo offerto un prezzo molto alto.”

Rio Tinto Plc - Jakob Stausholm, CEO

Jakob Stausholm, amministratore delegato di Rio Pinto.

Rio Tinto Plc - Jakob Stausholm, CEO

Jakob Stausholm è entrato a far parte di Rio Tinto nel settembre 2018 come Direttore Esecutivo e Direttore Finanziario. È diventato amministratore delegato nel gennaio 2021.

La miniera in discussione è Oyu Tolgoi, che dovrebbe diventare la quarta miniera di rame più grande del mondo, è una joint venture tra Turquoise Hill e il governo della Mongolia. Pentwater Capital Management, due settimane fa, ha sostenuto che l’offerta di prezzo di Rio sottovalutava Turquoise Hill, dato che è molto probabile che i prezzi del rame potranno crescere nei prossimi decenni, grazie alla crescente domanda di questo metallo per alimentare la transizione energetica. La settimana scorsa Pentwater ha acquistato 2,5 milioni di azioni di Turquoise Hill, portando la sua partecipazione a quasi il 14%.

Stausholm ha comunicato che ci sono circa 3,6 miliardi di dollari da rifinanziare nei prossimi due anni e mezzo, che dovranno essere finanziati proporzionalmente da Rio e Turquoise Hill, lasciando gli azionisti di minoranza a rischio se non approvano l’accordo. Più della metà degli azionisti rimanenti deve approvare l’acquisizione per poter procedere.

La miniera di rame di Oyu Tolgoi, in Mongolia

La miniera di Oyu Tolgoi è un progetto combinato di miniere a cielo aperto e sotterranea a Khanbogd sum nel deserto del Gobi meridionale, a circa 235 chilometri a est della capitale della provincia di Ömnögovi, Dalanzadgad. Il sito è stato scoperto nel 2001 ed è stato sviluppato come una joint venture tra Turquoise Hill Resources (una sussidiaria di maggioranza di Rio Tinto) con il 66% di proprietà e il governo della Mongolia con il 34%. La miniera ha iniziato la costruzione a partire dal 2010 e ha spedito il suo primo lotto di rame il 9 luglio 2013. (Credit: Brücke-Osteuropa)

La miniera di rame di Oyu Tolgoi, in Mongolia

Glencore Plc e la società mineraria statale dello Zambia potrebbero prestare congiuntamente 200 milioni di dollari alla Mopani Copper Mines per contribuire a coprire i costi di gestione.

La Glencore, proprietaria di Mopani fino a marzo 2021, è disposta a prestare fino a 100 milioni di dollari come iniezione di liquidità a breve termine alla miniera di rame Mopani dello Zambia.

Mopani Copper Mines è un grande complesso di miniere e fonderie che Glencore ha venduto alla società statale di investimenti minerari ZCCM-IH nel 2021, dopo aver attirato le critiche del governo zambiano per averla messa in manutenzione nel 2020, in un momento di calo dei prezzi del rame.

La Glencore, con sede in Svizzera, ha tuttavia mantenuto il diritto esclusivo di vendere la produzione di Mopani quando ha ceduto la sua quota di maggioranza a ZCCM-IH in un accordo da 1,5 miliardi di dollari finanziato dal debito.

La miniera, che ha più di 90 anni, ha il potenziale per produrre 225.000 tonnellate di rame all’anno, quasi tre volte la produzione prevista per il 2022 ma ha bisogno di un investimento di almeno 300 milioni di dollari per finanziare una complessa espansione sotterranea.

Con la produzione di rame in calo e Mopani che fatica a pagare i fornitori in tempo, a giugno la ZCCM-IH ha assunto la banca d’investimento Rothschild & Co per una revisione strategica volta a trovare un nuovo investitore per la miniera.

La miniera di Oyu Tolgoi è un progetto combinato di miniere a cielo aperto e sotterranea a Khanbogd sum nel deserto del Gobi meridionale, a circa 235 chilometri a est della capitale della provincia di Ömnögovi, Dalanzadgad. Il sito è stato scoperto nel 2001 ed è stato sviluppato come una joint venture tra Turquoise Hill Resources (una sussidiaria di maggioranza di Rio Tinto) con il 66% di proprietà e il governo della Mongolia con il 34%. La miniera ha iniziato la costruzione a partire dal 2010 e ha spedito il suo primo lotto di rame il 9 luglio 2013. (Credit: Brücke-Osteuropa)

Miniera di Rame di Kamoa-Kaula. Veduta aerea della riserva di Kakula Nord

Mopani Copper Mines Plc è una società mineraria con attività nei distretti di Kitwe e Mufulira della provincia di Copperbelt, nello Zambia. Le attività dell’azienda comprendono l’intera gamma della catena di produzione del rame: dall’estrazione del minerale sotterraneo alla concentrazione, fusione, raffinazione e confezionamento del metallo rosso finito per l’esportazione. (Credit: mining-technology.com)

Miniera di Rame di Kamoa-Kaula. Veduta aerea della riserva di Kakula Nord

Mentre Mopani attende nuovi investimenti, la sua produzione è diminuita, rendendo i costi di gestione sempre più difficili da coprire. Nella lettera inviata a Rothschild, la Glencore ha dichiarato che Mopani ha bisogno di 200 milioni di dollari di “liquidità a breve termine” e ha proposto di dividerli equamente con ZCCM-IH.

Nella lettera, la Glencore afferma di aver già prestato a Mopani 47 milioni di dollari attraverso lettere di credito per coprire gli acquisti di concentrato di rame e le bollette dell’elettricità. Secondo la proposta, la Glencore fornirebbe fino a 53 milioni di dollari in più attraverso lettere di credito.

È nell’interesse della Glencore che Mopani continui a produrre perché la ZCCM sta pagando il suo debito di 1,5 miliardi di dollari con la Glencore attraverso il rame di Mopani.

Secondo la lettera, la Glencore avrebbe bisogno di 120 milioni di dollari di concentrati di rame, anodi e catodi presso la fonderia di Mopani o trasportati al confine, a garanzia del suo prestito di 100 milioni di dollari.

Con una domanda futura di rame che dovrebbe essere forte a causa della crescita dei veicoli elettrici, delle stazioni di ricarica e di altre infrastrutture per l’energia rinnovabile, mentre il mondo cerca di decarbonizzarsi, lo Zambia vede l’espansione della miniera come un’opportunità per generare un reddito essenziale.

Mopani Copper Mines Plc è una società mineraria con attività nei distretti di Kitwe e Mufulira della provincia di Copperbelt, nello Zambia. Le attività dell’azienda comprendono l’intera gamma della catena di produzione del rame: dall’estrazione del minerale sotterraneo alla concentrazione, fusione, raffinazione e confezionamento del metallo rosso finito per l’esportazione. (Credit: mining-technology.com)

Prezzo Rame a 3 mesi, $/ton - Candele settimanali

Prezzo Rame a 3 mesi, $/ton – Candele settimanali

Prezzo Rame a 3 mesi, $/ton - Candele settimanali

Dopo i massimi raggiunti a marzo 2022 in area 10.840 $/ton i prezzi hanno innescato una fase di calo durata 5 mesi per poi sviluppare un movimento di assestamento, il 14 luglio 2022, che ha riportato le quotazioni in un range di oscillazione laterale tra 8.300 $/ton e 6.900 $/ton. Analizzando il grafico settimanale è possibile osservare come la media mobile a 200 settimane (linea verde) fornisca una base di supporto alle quotazioni così come la linea rossa orizzontale (precedenti massimi del 2017 e 2018). Se questo supporto dovesse resistere ad ulteriori pressioni ribassiste potranno manifestarsi potenziali rimbalzi dei prezzi verso la prima resistenza posta in area 7.800 $/ton in prima battuta (direzione 8.200 $/ton). Al contrario, eventuali flessioni sotto i 6.900 $/ton la discesa potrà estendersi in direzione di quota 6.200 $/ton.

Prezzo Rame a 3 mesi, $/ton – Candele settimanali

Rame cash €/tonnellata Bloomberg - Prezzi giornalieri

Rame cash €/tonnellata Bloomberg – Prezzi giornalieri

Rame cash €/tonnellata Bloomberg - Prezzi giornalieri

Analizzando le quotazioni del rame in valuta unica, la debolezza del cambio euro/dollaro ha mantenuto i prezzi in € più costosi rispetto a quelli espressi in $. Così come scritto in precedenza, la possibilità che le quotazioni in $ possano potenzialmente reagire nel breve termine potrà fornire uno spunto positivo anche per le quotazioni in €, anche se di minor intensità per effetto rivalutazione dell’euro rispetto al dollaro (nel breve periodo). Sono attesi quindi possibili test in area 7.900 €/ton.

Rame cash €/tonnellata Bloomberg – Prezzi giornalieri

Rame, depositi LME - Tonnellate giornaliere

Rame, depositi LME – Tonnellate giornaliere

Rame, depositi LME - Tonnellate giornaliere

Rispetto ad inizio anno i depositi Lme del rame sono saliti del 53% mentre analizzando l’ultimo mese di riferimento (settembre) la salita si è attestata al 22,80%.

Rame, depositi LME – Tonnellate giornaliere

FORECAST RAME PREZZO ATTUALE TARGET MESE IN CORSO TENDENZA DEL MESE
Rame LME 3 mesi $/ton 7.687 € 7.800 € Laterale
Rame cash Bloomberg €/ton 7.760 € 7.900 € Laterale

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita
Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato il 30/09/2022.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita

Alluminio: focus – Novembre 2022

Aumentano le pressioni sul LME per vietare il prodotto russo Aumentano le pressioni sul LME per vietare il prodotto russo Il London Metal Exchange sarebbe in difficoltà su come gestire la fornitura di metallo dalla Russia “sanzionata”. La preoccupazione continua ad essere accresciuta dal fatto che alcune nazioni, guidate dalla Cina, continuano ad essere interessate ad acquistare le scorte russe. [...]

  • Mopani, Zambia - Miniera di rame

Rame: focus quotazione e produzione mondiale – Ottobre 2022

Rame: la situazione sul fronte asiatico Rame: la situazione sul fronte asiatico Le principali fonderie di rame della Cina hanno fissato il prezzo minimo delle tariffe di trattamento e raffinazione del concentrato di rame (TCs/RCs) per il quarto trimestre rispettivamente a 93 dollari/tonnellata e 9,3 centesimi/lb, il livello più alto degli ultimi quattro anni. L’aumento dei TC/RC indica che [...]

Piombo: focus – Agosto 2022

Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Metals X ha pubblicato i risultati di quello che sembra essere stato un trimestre difficile su più fronti. Durante il secondo trimestre del 2022, dalla miniera di Renison sono state prodotte circa 2.154 tonnellate di stagno. Si tratta di un calo del 13% rispetto [...]

  • Russia, Bratsk: alluminio smelter

Alluminio: focus – Luglio 2022

Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 L’alluminio è sceso al suo minimo in quasi cinque mesi, quando i fondi istituzionali hanno tagliato le loro posizioni in acquisto a causa del rallentamento della domanda, anche se le [...]

Stagno: focus – Giugno 2022

Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Nonostante la forte ripresa della produzione, il mercato dello stagno è ancora pericolosamente a corto di offerta. Secondo l'International Tin Association (ITA) la produzione globale di stagno raffinato è aumentata dell’11%, raggiungendo le 378.400 tonnellate l’anno scorso. Ma se la produzione è [...]

Acciaio e ghisa: focus e forecast – Maggio 2022

Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il mercato globale dell’acciaio ha continuato a crescere nell’ultimo mese, dopo che l’interruzione della fornitura di ghisa in Ucraina e Russia ha portato a un’impennata dei costi delle materie prime. La ghisa è una delle materie prime chiave nella produzione dell’acciaio [...]