Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio,
scorte LME ai minimi dal 2005

Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005

L’alluminio è sceso al suo minimo in quasi cinque mesi, quando i fondi istituzionali hanno tagliato le loro posizioni in acquisto a causa del rallentamento della domanda, anche se le preoccupazioni sui tagli alla produzione in Europa a causa degli alti costi dell’energia dovrebbero fornire un po’ di supporto.

Ma i rischi di approvvigionamento di alluminio rimangono elevati, con circa 1,5-2 milioni di tonnellate di produzione a rischio di chiusura in Europa e in Russia nei prossimi 3-12 mesi. Si tratta di circa il 2% delle forniture globali di alluminio stimate a circa 70 milioni di tonnellate quest’anno.

L’economia cinese ha subito un duro colpo mentre le autorità sono in corsa per fermare la diffusione di casi record di Covid-19, che hanno portato a un blocco totale o parziale in decine di città.

I dati sui prestiti cinesi e il finanziamento sociale totale, un indicatore chiave del consumo di metalli industriali, previsti per i prossimi giorni, forniranno indizi sulle prospettive della domanda.

La Cina è il più grande produttore e consumatore al mondo di alluminio, ampiamente utilizzato nelle industrie dell’energia, delle costruzioni e degli imballaggi.

“Le scorte di alluminio LME, già ai minimi, sono destinate a diminuire ulteriormente poiché molte tonnellate di metallo lasceranno il sistema LME per dirigersi verso l’Europa, dove le forniture scarseggiano”

Shanghai, porto di Yangshan (il più importante al mondo): tornano i test di massa e aumentano i timori di nuovi lockdown nel paese, con Pechino che continua a insistere sulla politica covid zero.

Shanghai, porto di Yangshan (il più importante al mondo): tornano i test di massa e aumentano i timori di nuovi lockdown nel paese, con Pechino che continua a insistere sulla politica covid zero.

Shanghai, porto di Yangshan (il più importante al mondo): tornano i test di massa e aumentano i timori di nuovi lockdown nel paese, con Pechino che continua a insistere sulla politica covid zero.

A pesare sui metalli industriali sono anche i rialzi dei tassi negli Stati Uniti, che hanno fatto crescere la valuta americana. Una valuta statunitense più alta rende i metalli denominati in dollari più costosi per i possessori di altre valute, il che mina la domanda.

Le scorte di alluminio nei magazzini del London Metal Exchange (LME), già ai minimi degli ultimi 17 anni, sono destinate a diminuire ulteriormente nelle prossime settimane, poiché molte tonnellate di metallo sono destinate a lasciare il sistema LME per dirigersi verso l’Europa, dove le forniture scarseggiano.

I prezzi record dell’energia elettrica in Europa hanno fatto lievitare i costi di produzione di metalli come l’alluminio, ampiamente utilizzato nei settori dell’energia, delle costruzioni e degli imballaggi. Le carenze in Europa hanno provocato ampi prelievi dalle scorte di alluminio dell’LME, che dal marzo dello scorso anno sono scese del 72% a 532.500 tonnellate, il livello più basso dal novembre 2005.

Ancora più preoccupante per il mercato dell’alluminio è il fatto che i cancelled warrant (metallo disponibile per il mercato), pari a 215,625 tonnellate, sono le più basse mai registrate e probabilmente scenderanno ulteriormente con l’uscita di altro metallo dai magazzini LME.

Shanghai, porto di Yangshan (il più importante al mondo): tornano i test di massa e aumentano i timori di nuovi lockdown nel paese, con Pechino che continua a insistere sulla politica covid zero.

Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022

Depositi alluminio al 28 giugno 2022.

Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022

Deciso rialzo avviato da inizio 2021 fino all’11 maggio 2022 per i premi Rotterdam:

Successivamente si è avviata una fase di consolidamento che sta durando circa un mese e mezzo.

Depositi alluminio al 28 giugno 2022.

Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022
Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022
Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022
Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022

La questione dazi:
Europa Vs Cina

La questione dazi: Europa Vs Cina

La Commissione europea riprenderà a imporre dazi antidumping sulle importazioni di laminati piani di alluminio di origine cinese a partire dal 12 luglio, dopo averli rinviati per nove mesi.

Una sentenza definitiva emessa nell’ottobre 2021 dalla Commissione Europea ha indicato che i dazi antidumping ammonteranno a una percentuale compresa tra il 14,3% e il 24,6%.

Il 14 agosto 2020, la Commissione europea ha avviato un’indagine antidumping sui prodotti laminati piatti di alluminio originari della Cina. L’11 ottobre 2021 la Commissione ha pubblicato un regolamento che istituisce un dazio antidumping definitivo sulle importazioni di prodotti laminati piatti in alluminio provenienti dalla Cina, ma allo stesso tempo ha adottato una decisione di sospensione dei dazi in questione.

I prodotti di alluminio laminati piatti comprendevano lamiere e coils di spessore compreso tra 0,2 mm e 6 mm, lamiere ≥6 mm, nonché coils e nastri di spessore compreso tra 0,03 e 0,2 mm, ad eccezione delle lamiere di alluminio utilizzate per lattine per bevande, pannelli per autoveicoli o applicazioni aerospaziali.

Le esportazioni cinesi di prodotti in alluminio verso l’UE sono diminuite di anno in anno a partire dal 2019 a causa delle controversie commerciali. Nel 2021, la Cina ha esportato 380.000 tonnellate di prodotti in alluminio nell’UE, con un calo del 17,6% rispetto all’anno precedente. I prodotti includevano 170.000 tonnellate di fogli e nastri di alluminio.

Secondo il piano dell’UE, gli esportatori cinesi dovranno dichiarare la tassa sulle emissioni di anidride carbonica a partire dal 2023 e dal 2026 saranno tassati per i prodotti che non rispettano le norme sulle emissioni di anidride carbonica.

Nel breve termine, questo non avrà un impatto sulle esportazioni cinesi di prodotti di alluminio in Europa, ma le sfide aumenteranno nei prossimi anni.

“Nel 2021, la Cina ha esportato 380.000 tonnellate di prodotti in alluminio nell’UE, con un calo del 17,6% rispetto all’anno precedente”

La questione dazi:
Stati Uniti Vs Russia

La questione dazi: Stati Uniti Vs Russia

Gli Stati Uniti aumenteranno i dazi al 35% su alcuni prodotti in acciaio e alluminio importati dalla Russia in una mossa che interesserà 570 diversi gruppi di prodotti in vari settori.

Secondo il presidente Joe Biden, l’aumento delle aliquote al 35% su alcuni altri prodotti della Federazione Russa, la cui importazione non è già stata vietata, è giustificato e coerente con gli interessi di politica estera degli Stati Uniti.

Katherine Tai

La politica e avvocato Katherine Tai (New York, 1974), dal marzo 2021 Rappresentante per il commercio degli Stati Uniti nell’amministrazione di Joe Biden.

La Casa Bianca non ha rilasciato informazioni su quali prodotti specifici saranno soggetti alle tariffe più alte. In una dichiarazione separata, tuttavia, il Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti, Katherine Tai, ha affermato che l’elenco dei prodotti oggetto dell’annuncio includerà acciaio e alluminio; minerali, minerali e metalli; prodotti chimici; armi e munizioni; legno e prodotti di carta; aeromobili e parti; parti di automobili.

L’innalzamento delle tariffe è legato alla precedente azione degli Stati Uniti, che ad aprile hanno sospeso le normali relazioni commerciali con la Russia per intensificare la pressione sul presidente russo Vladimir Putin per l’invasione dell’Ucraina da parte del Paese.

L’abolizione delle normali relazioni commerciali, avvenuta ad aprile, ha permesso agli Stati Uniti di applicare i dazi sulle importazioni dalla Russia fino al gennaio 2024. Per quanto riguarda i metalli, le aliquote raggiungono il 20% per l’acciaio finito, il 18,5% per la maggior parte dell’alluminio grezzo, l’11% per l’alluminio ad alta purezza e il 10,5% per alcune categorie di prodotti di alluminio a valore aggiunto. I dazi su questi e altri prodotti potrebbero ora raggiungere il 35%, in attesa della pubblicazione dell’elenco ufficiale delle categorie di prodotti interessate dalla proclamazione odierna.

I dazi più elevati si applicano anche alle importazioni dalla Bielorussia come ritorsione per gli aiuti alla Russia.

“L’abolizione delle normali relazioni commerciali, avvenuta ad aprile, ha permesso agli Stati Uniti di applicare i dazi sulle importazioni dalla Russia fino al gennaio 2024”

La produzione globale
torna a spostarsi
verso la Cina

La produzione globale torna a spostarsi verso la Cina

La Cina ha prodotto un record di 3,42 milioni di tonnellate di alluminio primario a maggio, mentre le fonderie del paese continuano ad aumentare i ritmi di produzione.

Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022
Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022
Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022
Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022

Secondo l’International Aluminium Institute (IAI), la produzione annua del Paese è aumentata di 3,66 milioni di tonnellate nei primi cinque mesi dell’anno, culminando il mese scorso con il più alto tasso operativo di 40,27 milioni di tonnellate.

Le fonderie cinesi stanno risorgendo grazie all’allentamento della crisi energetica che ha limitato la produzione per gran parte dello scorso anno.

Quest’anno sono le fonderie europee a dover affrontare una crisi energetica a causa dell’impennata dei prezzi dell’elettricità sulla scia dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

I problemi energetici dell’Europa hanno trascinato la produzione annua al di fuori della Cina di 460.000 tonnellate quest’anno.

La quota della Cina sulla produzione globale è stata del 58,91% a maggio, un rapporto che è stato superato solo una volta nel giugno 2017, un indicatore storico che potrebbe essere inaffidabile data la mancanza di dati coerenti cinque anni fa.

In questo periodo dell’anno scorso erano gli operatori cinesi ad essere in difficoltà con le forniture energetiche per le loro fonderie affamate di energia.

La siccità nella provincia dello Yunnan, ricca di risorse idriche, unita a un’applicazione troppo zelante degli obiettivi di efficienza energetica, ha fatto crollare la produzione nazionale di alluminio di oltre due milioni di tonnellate annue nel 2021.

Questi obiettivi sono stati allentati e la Cina ha incrementato la produzione di carbone per attenuare la crisi energetica dello scorso anno.

Il miglioramento dei prezzi dell’energia elettrica e la forza dei prezzi dell’alluminio hanno generato un prevedibile rimbalzo dei tassi di produzione cinesi, che dopo la pausa dello scorso anno si stanno nuovamente avvicinando al limite di capacità di Pechino di 45 milioni di tonnellate all’anno.

“Nonostante il pesante dazio del 15% sulle esportazioni di alluminio, quest’anno la Cina ha esportato metallo grezzo in gran parte verso l’Europa, che ora sta vivendo il proprio tracollo dell’alluminio, determinato dall’energia”

Cina: una centrale a carbone nella provincia dello Jilin

Cina: una centrale a carbone nella provincia dello Jilin (Credit photo Andreas Felske on Unsplash)

Cina: una centrale a carbone nella provincia dello Jilin

L’inversione di tendenza nelle sorti delle fonderie cinesi è evidente dal commercio di metallo grezzo del Paese. Le importazioni hanno registrato un boom nel 2021, poiché la produzione nazionale non è riuscita a soddisfare la domanda di primo utilizzo da parte dei produttori. Le spedizioni di metallo primario in entrata hanno raggiunto la cifra record di 1,58 milioni di tonnellate.

Quest’anno, tuttavia, la Cina ha esportato metallo grezzo nonostante il pesante dazio del 15% sulle esportazioni di alluminio. Gran parte di ciò che lascia la Cina è diretto verso l’Europa, che ora sta vivendo il proprio tracollo dell’alluminio, determinato dall’energia.

I prezzi dell’energia elettrica in Europa si stavano già dirigendo verso nord prima che la Russia lanciasse la sua “operazione militare speciale” in Ucraina.

Il conseguente restringimento delle forniture di gas all’Europa ha causato un’impennata dei prezzi dell’energia elettrica del 400% nell’ultimo anno, un problema non da poco per i produttori di alluminio, visto che l’energia rappresenta circa il 40% dei loro costi di fusione.

L’associazione europea dell’alluminio sostiene che circa 900.000 tonnellate di capacità annua hanno subito un impatto sotto forma di riduzioni o fluttuazioni dei tassi operativi.

Secondo lo IAI, la produzione annua in Europa occidentale è diminuita di circa 500.000 tonnellate nell’ultimo anno. Il tasso di produzione di maggio, pari a 2,96 milioni di tonnellate, è stato il più basso di questo secolo.

Cina: una centrale a carbone nella provincia dello Jilin (Credit photo Andreas Felske on Unsplash)

Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022
Speciale alluminio, quotazione scorte produzione - Luglio 2022

La crisi energetica sta colpendo soprattutto le fonderie di Germania, Francia e Paesi Bassi, mentre quelle di Norvegia e Islanda sono state ammortizzate dall’accesso all’energia idroelettrica e geotermica. La capacità produttiva di entrambi i Paesi è aumentata progressivamente nel corso dell’ultimo anno, il che probabilmente nasconde la perdita di produzione totale registrata altrove nei dati dello IAI sull’Europa occidentale.

Anche la produzione di alluminio dell’Europa orientale è in calo. La produzione cumulativa è diminuita dell’1,5% su base annua nei primi cinque mesi dell’anno, a causa delle riduzioni in Romania, Montenegro e Repubblica Slovacca.

L’ultimo aggiornamento mensile dello IAI non mostra alcun segno di calo della produzione della russa Rusal, nonostante le sanzioni abbiano interrotto il flusso di materie prime verso le fonderie siberiane dell’azienda. Anzi, è possibile che l’avvio del nuovo impianto di Taishet stia compensando le riduzioni nel resto dell’Europa orientale.

Non essendo in vista la fine dell’attuale crisi energetica, la produzione europea potrebbe essere minacciata nei prossimi mesi. Si stima che altre 800.000 tonnellate di capacità degli smelter europei siano a rischio, a meno che i prezzi dell’energia non scendano, cosa che al momento sembra improbabile.

“Nonostante le sanzioni, l’ultimo aggiornamento mensile dello IAI non mostra alcun segno di calo della produzione della russa Rusal”

Russia: la fonderia di Bratsk, nella Siberia centrale

Russia: la fonderia di Bratsk, nella Siberia centrale (UC Rusal Photo Gallery via Wikimedia Commons).

Russia: la fonderia di Bratsk, nella Siberia centrale

Russia: la fonderia di Bratsk, nella Siberia centrale (UC Rusal Photo Gallery via Wikimedia Commons).

L’alluminio non si produce gettando la bauxite in un altoforno. Piuttosto, la bauxite deve essere raffinata in allumina, che viene poi trasformata in metallo tramite elettrolisi. L’alluminio è per molti versi elettricità in forma solida, ed è per questo che le fonderie sono così sensibili ai prezzi dell’energia. Questo è un problema per la produzione di alluminio ovunque, con le fonderie in competizione con altre industrie per l’energia, in particolare da fonti rinnovabili, nel tentativo di produrre un metallo sempre più “verde”.

L’aumento esponenziale dei prezzi dell’energia elettrica in Europa dopo l’invasione ucraina rappresenta una minaccia esistenziale per molti operatori della regione.

La necessità di importare un metallo che è un fattore chiave per la decarbonizzazione da un Paese in cui il carbone è ancora la fonte primaria di energia per la produzione di alluminio è altamente problematica per l’Unione Europea. Non solo in termini di impronta di carbonio, ma anche nel contesto dell’impegno del blocco per quella che definisce “autonomia strategica” nelle sue catene di approvvigionamento di minerali.

Le fonderie cinesi stanno attualmente godendo di margini positivi grazie alla combinazione di un prezzo del metallo più alto e di costi energetici più bassi, dovuti al ritorno del governo sugli obiettivi di utilizzo del carbone. Nonostante la corsa al carbone, ci sono segnali di stress in alcune parti del sistema energetico cinese.

Il consumo di energia elettrica è aumentato nelle province cinesi a nord del fiume Yangtze a causa del clima più caldo del normale, tanto che nel fine settimana lo Henan ha stabilito un nuovo record di carico massimo della domanda.

La tensione sulla rete elettrica è destinata a diventare più acuta quando la Cina uscirà timidamente dal blocco del coronavirus e ricomincerà ad aumentare l’attività produttiva. Se l’estate cinese sarà lunga e calda, l’energia sarà destinata in via prioritaria al raffreddamento delle abitazioni, mentre i grandi utenti industriali dovranno fare i conti con il razionamento.

Il pendolo dell’energia dell’alluminio può essere tornato in Cina dal resto del mondo, ma non è detto che vi rimanga a lungo.

“Per l’UE, la necessità di importare un metallo che è un fattore chiave per la decarbonizzazione da un Paese in cui il carbone è ancora la fonte primaria di energia per la produzione di alluminio è altamente problematica”

Performance dell'ultimo mese - metalli non ferrosi in euro

Performance dell’ultimo mese dei metalli non ferrosi, in euro (Elaborazione Commodity Evolution)

Performance dell'ultimo mese - metalli non ferrosi in euro

Come si può osservare negli ultimi 3 mesi i metalli non ferrosi in € hanno fatto registrare tutti performance negative, con l’alluminio che ha registrato la seconda perdita maggiore (-27,13%) dopo lo stagno (-33,64%).

Performance dell’ultimo mese dei metalli non ferrosi, in euro (Elaborazione Commodity Evolution)

Performance dell'ultimo mese - metalli non ferrosi in euro

Performance dell’ultimo mese dei metalli non ferrosi, in euro (Elaborazione Commodity Evolution)

Performance dell'ultimo mese - metalli non ferrosi in euro

Il mese di maggio è stato caratterizzato da un deciso rialzo delle esportazioni di “Alluminio grezzo e prodotti in alluminio”. Su base mensile l’ascesa è stata del 13,36% mentre rispetto allo stesso periodo del 2021 il rialzo registrato è stato pari al 54%.

Sul fronte importazioni, si evidenzia una crescita del 7,52% su base mensile mentre su base annua il dato mostra una flessione del 16,41%.

Performance dell’ultimo mese dei metalli non ferrosi, in euro (Elaborazione Commodity Evolution)

Esportazioni e importazioni Cina alluminio - maggio 2022

Alluminio Cina: esportazioni / importazioni, maggio 2022 (Elaborazione Commodity Evolution)

Variazione % esportazioni / importazioni alluminio Cina - maggio 2022

Alluminio Cina: variazione % esportazioni / importazioni, maggio 2022 (Elaborazione Commodity Evolution)

Esportazioni e importazioni Cina alluminio - maggio 2022

Alluminio Cina: esportazioni / importazioni, maggio 2022 (Elaborazione Commodity Evolution)

Variazione % esportazioni / importazioni alluminio Cina - maggio 2022

Alluminio Cina: variazione % esportazioni / importazioni, maggio 2022 (Elaborazione Commodity Evolution)

Analizzando la cumulata delle esportazioni si può osservare che nei primi 5 mesi del 2022 la Cina ha esportato complessivamente 2,9 mln di ton di “Alluminio grezzo e prodotti in alluminio”, un livello mai raggiunto nei precedenti anni.

Per quanto riguarda invece le importazioni, la cumulata dei primi 5 mesi del 2022 si trova in linea con i livelli dello scorso anno.

Alluminio Cina: esportazioni cumulate, maggio 2022

Alluminio Cina: esportazioni cumulate, maggio 2022 (Elaborazione Commodity Evolution)

Alluminio Cina: importazioni cumulate, maggio 2022

Alluminio Cina: importazioni cumulate, maggio 2022 (Elaborazione Commodity Evolution)

Alluminio Cina: esportazioni cumulate, maggio 2022

Alluminio Cina: esportazioni cumulate, maggio 2022 (Elaborazione Commodity Evolution)

Alluminio Cina: importazioni cumulate, maggio 2022

Alluminio Cina: importazioni cumulate, maggio 2022 (Elaborazione Commodity Evolution)

Nel mese di giugno le quotazioni dell’alluminio convertito in $ quotato sul mercato cinese così come quello del mercato londinese ha mostrato un andamento negativo, anche se le quotazioni sono scese con minor intensità, confermabile sul grafico successivo del rapporto tra alluminio ShFE e alluminio Lme.

Alluminio ShFE $ Vs Alluminio Lme $

Alluminio ShFE $ vs Alluminio Lme $ (Elaborazione Commodity Evolution)

Alluminio ShFE $ Vs Alluminio Lme $

Come si può osservare dal grafico, l’andamento del rapporto tra l’alluminio ShFE e l’alluminio quotato a Londra presenta un andamento positivo, espresso in forza relativa. Tale dato evidenzia che la discesa dell’alluminio cinese è stata meno decisa rispetto a quella avvenuta sul mercato europeo. Infatti l’alluminio Lme nel mese di giugno ha perso circa l’11% mentre quello cinese è sceso del 7%.

Alluminio ShFE $ vs Alluminio Lme $ (Elaborazione Commodity Evolution)

Rapporto tra Alluminio ShFE e Vs Alluminio Lme

Rapporto tra Alluminio ShFE e Vs Alluminio Lme (elaborazione Commodity Evolution)

Rapporto tra Alluminio ShFE e Vs Alluminio Lme

Nel mese di giugno la volatilità storica annualizzata dell’alluminio è cresciuta da un minimo di 30,74% e con picchi a 31,49%.

Rapporto tra Alluminio ShFE e Vs Alluminio Lme (elaborazione Commodity Evolution)

Andamento volatilità storica Alluminio - Elaborazione Commodity Evolution

Andamento volatilità storica Alluminio (elaborazione Commodity Evolution)

Andamento volatilità storica Alluminio - Elaborazione Commodity Evolution

Prosegue la discesa dell’alluminio avviata da marzo 2022, con una flessione attuale del 41% (dai massimi di marzo). Il prossimo supporto che potrebbe arrestare l’attuale fase di calo si posiziona in area 2.300 $/ton, livello di prezzo che dovrà essere monitorato con molta attenzione. Infatti, un’eventuale rimbalzo da questi livelli potrebbe riportare i corsi verso 2.800 $/ton (da confermare solo alla violazione al rialzo di quota 2.500 $/ton). In caso invece di repentini cali sotto quota 2.300 $/ton la discesa potrà estendersi verso 2.200 $/ton in prima battuta.

Andamento volatilità storica Alluminio (elaborazione Commodity Evolution)

Alluminio 3 mesi in $ Lme - Grafico giornaliero

Alluminio 3 mesi in $ Lme – Grafico giornaliero

Alluminio 3 mesi in $ Lme - Grafico giornaliero

Anche le quotazioni espresse in valuta unica hanno generato una decisa flessione, scendendo sotto il supporto a 2.530 €/ton (prezzo del 10 maggio 2022) e raggiungendo quota 2.330 euro/ton. Un’eventuale proseguimento dell’attuale flessione dei prezzi in $ potrà spingere al ribasso anche i corsi in € con successivi livelli in area 2.160 €/ton.

Alluminio 3 mesi in $ Lme – Grafico giornaliero

Alluminio cash €/Bloomberg - Grafico giornaliero

Alluminio cash €/Bloomberg – Grafico giornaliero

Alluminio cash €/Bloomberg - Grafico giornaliero

Prosegue la discesa dei depositi Lme ora a 373 mila tons presenti nei magazzini. Il calo registrato a giugno è stato del 17%.

Alluminio cash €/Bloomberg – Grafico giornaliero

Depositi alluminio - Grafico giornaliero

Depositi alluminio – Grafico giornaliero

Depositi alluminio - Grafico giornaliero

Terzo mese consecutivo in cui la media mensile registra un valore inferiore rispetto al mese precedente. A giugno la media mensile € bloomberg/ton si è attestata a 2.428,36.

Depositi alluminio – Grafico giornaliero

Media mensile stagno cash €/Bloomberg - Elaborazione Commodity Evolution

Media mensile stagno cash €/Bloomberg (elaborazione Commodity Evolution)

Media mensile stagno cash €/Bloomberg - Elaborazione Commodity Evolution

Analizzando la stagionalità dello stagno (come si è comportato mediamente nel mese di riferimento) i periodi temporali presi in analisi (30, 15, 10, 5 anni) i prezzi mostrano un andamento positivo per tutto il mese di luglio. In questo contesto occorre prestare particolare attenzione ad eventuali rimbalzi dai supporti importanti descritti in precedenza.

Media mensile stagno cash €/Bloomberg (elaborazione Commodity Evolution)

Stagionalità alluminio su diversi orizzonti temporali - mese in corso - Elaborazione Commodity Evolution

Stagionalità alluminio su diversi orizzonti temporali – mese in corso (elaborazione Commodity Evolution)

Stagionalità alluminio su diversi orizzonti temporali - mese in corso - Elaborazione Commodity Evolution

Stagionalità alluminio su diversi orizzonti temporali – mese in corso (elaborazione Commodity Evolution)

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita

Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato il 30/06/2022.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita

Piombo: focus – Agosto 2022

Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Metals X ha pubblicato i risultati di quello che sembra essere stato un trimestre difficile su più fronti. Durante il secondo trimestre del 2022, dalla miniera di Renison sono state prodotte circa 2.154 tonnellate di stagno. Si tratta di un calo del 13% rispetto [...]

  • Russia, Bratsk: alluminio smelter

Alluminio: focus – Luglio 2022

Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 L’alluminio è sceso al suo minimo in quasi cinque mesi, quando i fondi istituzionali hanno tagliato le loro posizioni in acquisto a causa del rallentamento della domanda, anche se le [...]

Stagno: focus – Giugno 2022

Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Nonostante la forte ripresa della produzione, il mercato dello stagno è ancora pericolosamente a corto di offerta. Secondo l'International Tin Association (ITA) la produzione globale di stagno raffinato è aumentata dell’11%, raggiungendo le 378.400 tonnellate l’anno scorso. Ma se la produzione è [...]

Acciaio e ghisa: focus e forecast – Maggio 2022

Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il mercato globale dell’acciaio ha continuato a crescere nell’ultimo mese, dopo che l’interruzione della fornitura di ghisa in Ucraina e Russia ha portato a un’impennata dei costi delle materie prime. La ghisa è una delle materie prime chiave nella produzione dell’acciaio [...]

Rame: focus e forecast – Aprile 2022

Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Il mercato londinese del rame è stato brevemente scosso dal crollo dei margini che ha innescato la sospensione dell’8 marzo del mercato del nichel LME, con un picco di breve durata fino a un nuovo massimo storico di 10.845 dollari per tonnellata. Ma da allora il [...]

Nichel: focus e forecast – Marzo 2022

Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta L’invasione russa dell’Ucraina dovrebbe avere un impatto significativo sull’offerta globale di alluminio e sui prezzi, mentre la notizia ha mandato i prezzi del nichel allo Shanghai Futures Exchange ad un massimo storico il 24 febbraio. Il [...]