Quotazione Rame e scenario geopolitico:
la situazione

Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione

Il mercato londinese del rame è stato brevemente scosso dal crollo dei margini che ha innescato la sospensione dell’8 marzo del mercato del nichel LME, con un picco di breve durata fino a un nuovo massimo storico di 10.845 dollari per tonnellata.

Ma da allora il rame a tre mesi dell’LME ha fatto poco più che galleggiare, scambiando attualmente (31 marzo 2022 ore 14:15) a 10.363 dollari per tonnellata.

Questo è dovuto in parte al fatto che il contratto di rame di Londra era già sottotono dopo il suo periodo di turbolenza nell’ottobre dell’anno scorso, quando l’LME è intervenuto per limitare la forte backwardation che caratterizzava i prezzi in quell’arco temporale.

E anche perché il rame sembra molto meno esposto a un’interruzione dell’offerta russa rispetto ad altri metalli industriali come il nichel, che è stato scosso fino al punto di rottura dall’invasione russa dell’Ucraina.

La Russia sicuramente è un grande produttore di rame con una produzione raffinata di circa un milione di tonnellate all’anno, che rappresenta circa il 4% della produzione globale. È anche un grande esportatore sia di metallo grezzo che di fili di rame, ma non ha la stessa posizione di comando nelle catene di approvvigionamento occidentali come, per esempio, nel palladio, dove Norilsk Nickel da solo rappresenta il 45% della produzione globale.

“Il mercato londinese del rame è stato brevemente scosso dal crollo dei margini che ha innescato la sospensione dell’8 marzo del mercato del nichel LME, con un picco di breve durata fino a un nuovo massimo storico di 10.845 $/ton.”

Norilsk: il momento dell'arrivo di una massiccia attrezzatura per il programma Sulphur. Nornickel' (società mineraria e metallurgica russa) è tra i principali produttori di nichel e palladio al mondo. Le sue operazioni si concentrano nella zona di Noril'sk, nei pressi del fiume Enisej, oltre che nell'oblast' di Murmansk, nella Finlandia occidentale e in Africa meridionale.

Norilsk: il momento dell’arrivo di una massiccia attrezzatura per il programma Sulphur. Nornickel’ (società mineraria e metallurgica russa) è tra i principali produttori di nichel e palladio al mondo. Le sue operazioni si concentrano nella zona di Noril’sk, nei pressi del fiume Enisej, oltre che nell’oblast’ di Murmansk, nella Finlandia occidentale e in Africa meridionale.

Norilsk: il momento dell'arrivo di una massiccia attrezzatura per il programma Sulphur. Nornickel' (società mineraria e metallurgica russa) è tra i principali produttori di nichel e palladio al mondo. Le sue operazioni si concentrano nella zona di Noril'sk, nei pressi del fiume Enisej, oltre che nell'oblast' di Murmansk, nella Finlandia occidentale e in Africa meridionale.

Inoltre, gran parte di ciò che viene esportato finisce in Cina, che assorbe circa 400.000 tonnellate all’anno di rame russo. Il presupposto è che il resto del mondo può vivere anche senza il rame russo e che la Cina assorbirà semplicemente ciò che viene spostato dai mercati occidentali.

È probabilmente uno dei motivi per cui il comitato del rame del LME, che rappresenta un ampio spettro di consumatori, produttori e commercianti, si è sentito in grado di votare per un divieto di nuove consegne di rame russo alla borsa. Tuttavia, l’esecutivo del LME ha chiarito che non è nel suo business anticipare i governi sull’imposizione di sanzioni e non ha intenzione di vietare unilateralmente qualsiasi metallo russo.

I flussi delle esportazioni russe di rame sono più articolati di quanto non sembri a prima vista e le cifre dell’anno scorso sono un punto di partenza. Secondo l’International Trade Commission (ITC), le esportazioni del paese di rame raffinato grezzo hanno totalizzato 463.000 tonnellate nel 2021, il flusso annuale più basso dal 2014.

Le esportazioni hanno avuto una media di circa 700.000 tonnellate nel periodo 2018-2020, integrate da 150.000 tonnellate di filo di rame. Tuttavia, i dati commerciali dell’anno scorso evidenziano una svolta significativa nel flusso di rame russo verso la Cina. La Russia ha calcolato 155.000 tonnellate in uscita verso la Cina, ma la Cina ha registrato 403.000 tonnellate di metallo russo in entrata.

È chiaro che una quantità significativa del rame russo spedito nei Paesi Bassi, la seconda destinazione più grande dopo la Cina, viene fatta passare attraverso sistemi commerciali fisici/LME prima di dirigersi verso Shanghai.

Norilsk: il momento dell’arrivo di una massiccia attrezzatura per il programma Sulphur. Nornickel’ (società mineraria e metallurgica russa) è tra i principali produttori di nichel e palladio al mondo. Le sue operazioni si concentrano nella zona di Noril’sk, nei pressi del fiume Enisej, oltre che nell’oblast’ di Murmansk, nella Finlandia occidentale e in Africa meridionale.

Cina-Russia. Le rotte via mare, sud e nord.

Cina-Russia: a causa di problemi relativi al cambiamento climatico e della situazione in molti paesi (Mar della Cina del Sud e Medio Oriente), i due paesi hanno esplorato rotte marine alternative a quella più importante, che attraversa il canale di Suez. Fonte: Commissione Europea / Maersk

Cina-Russia. Le rotte via mare, sud e nord.

Cina-Russia: a causa di problemi relativi al cambiamento climatico e della situazione in molti paesi (Mar della Cina del Sud e Medio Oriente), i due paesi hanno esplorato rotte marine alternative a quella più importante, che attraversa il canale di Suez. Fonte: Commissione Europea / Maersk

Anche se c’è un collegamento ferroviario diretto tra la Russia e la Cina, attualmente usato per trasportare i concentrati di rame, ha poca capacità di riserva per il metallo raffinato.

La maggior parte delle esportazioni di rame raffinato del paese verso la Cina scorre attraverso il Mar Nero o attraverso porti europei come Rotterdam. Entrambe le rotte di trasporto stanno diventando sempre più problematiche, dato che l’auto-sanzione da parte delle società di logistica interrompe il commercio marittimo della Russia.

Costo Noli per trasporto marittimo rame.

Costo Noli per le varie rotte adibite al trasporto marittimo del rame.

Costo Noli per trasporto marittimo rame.

Finché i vincoli di spedizione non si placheranno, queste unità di rame saranno probabilmente dislocate dal mercato, questo implica una riduzione fino a 50-60kt al mese della fornitura di rame al mercato raffinato ex-Russia.

Le scorte di scambio globali sono basse. Ci sono attualmente 276.000 tonnellate di rame nei magazzini di LME, Shanghai Futures Exchange e CME.

Costo Noli per le varie rotte adibite al trasporto marittimo del rame.

Andamento depositi rame LME.

Andamento depositi rame LME.

Andamento depositi rame LME.

L’inventario totale è aumentato di 85.800 tonnellate finora quest’anno, ma questo è dovuto all’accumulo stagionale di scorte in Cina intorno alle feste del nuovo anno lunare. Rispetto a questo periodo dell’anno scorso, la copertura delle scorte di scambio è scesa di 121.000 tonnellate.

Le scorte LME sono scese di quasi 9.000 tonnellate dall’inizio dell’anno e con 88.000 tonnellate sono equivalenti a poco più di un giorno di utilizzo globale.

In base a qualsiasi parametro storico, le scorte dell’LME sono vicine all’esaurimento e sono altamente vulnerabili a qualsiasi nuovo acquisto, come quello visto nel periodo precedente alla stretta dell’ottobre scorso.

Il rame russo non è ancora sanzionato e non sarà vietato dall’LME, almeno per ora. E anche se lo fosse, non c’è dubbio che troverebbe una sistemazione pronta in Cina. Ma portarlo in Cina significa trasportarlo attraverso l’Europa e questo diventa ogni giorno più difficile. Un riaggiustamento dei flussi commerciali del rame russo potrebbe non essere così liscio come molti potrebbero aspettarsi.

Andamento depositi rame LME.

Quali sono i fattori potenzialmente rialzisti
per il rame

Quali sono i fattori potenzialmente rialzisti per il rame

Oltre alla guerra in Ucraina, i mercati dei metalli industriali sono diventati sempre più volatili con

  • le preoccupazioni per gli effetti della variante Omicron sulla crescita economica,
  • le restrizioni di approvvigionamento energetico in Cina che riducono la produzione e
  • il graduale rilassamento delle politiche monetarie negli Stati Uniti.

Il rame è spesso considerato un barometro dell’attività economica a causa del suo ampio utilizzo in settori come la generazione e la trasmissione di energia, le telecomunicazioni e la produzione di automobili.

Le notizie sul rame sono state dominate dalla carenza di energia in Cina, che ha spinto i governi locali a razionare la fornitura agli utenti industriali. Questo, a sua volta, ha ridotto la produzione di metallo. E gli alti prezzi dell’energia a livello internazionale hanno fatto salire i costi di produzione, con il petrolio Brent che ha raggiunto i massimi di tre anni e i prezzi del gas naturale in Europa che hanno raggiunto livelli record.

Come descritto nelle precedenti pagine, le scorte ai magazzini Lme risultano ai minimi assoluti: dal settembre 2021, dove le scorte ai magazzini ufficiali Lme erano fissate a quota 253.000 tons, sono crollate fino ai minimi assoluti in area 71.375 tons, con un crollo del 71%, per poi recuperare terreno fino a 88.000 tonnellate.

“Gli alti prezzi dell’energia a livello internazionale hanno fatto salire i costi di produzione, con il petrolio Brent che ha raggiunto i massimi di tre anni e i prezzi del gas naturale in Europa che hanno raggiunto livelli record.”

Peru: mezzi in movimento presso la miniera di Las Bambas.

Mezzi in movimento presso la miniera di Las Bambas. Situata a Apurímac in Perù, a circa 4000 metri sul livello del mare, è una miniera polimetallica con imponenti risorse minerali e riserve di minerale di rame con una vita stimata di almeno 20 anni.

Mezzi in movimento presso la miniera di Las Bambas. Situata a Apurímac in Perù, a circa 4000 metri sul livello del mare, è una miniera polimetallica con imponenti risorse minerali e riserve di minerale di rame con una vita stimata di almeno 20 anni.

Da considerare anche la continua instabilità delle miniere del Sud America, con i continui scioperi delle comunica locali.

La comunità del distretto di Coporaque aveva riferito a metà febbraio che avrebbe ripreso il blocco stradale contro la miniera. La strada che porta a Las Bambas è un punto critico delle proteste. Decine di comunità andine impoverite si trovano lungo i 400 km di strada sterrata tortuosa, che si sono spesso lamentate del fatto che i camion della miniera inquinano l’ambiente mentre la compagnia non è riuscita a migliorare la loro qualità di vita. Dall’apertura nel 2016, la strada mineraria è stata bloccata per più di 400 giorni da diversi gruppi, influenzando la produzione di rame della miniera. I recenti blocchi sono diventati un grosso grattacapo per il governo di sinistra di Pedro Castillo, che ha promesso di dare priorità ai bisogni dei peruviani emarginati, ma richiede anche le entrate fiscali delle miniere per finanziare programmi sociali. Las Bambas da sola rappresenta l’1% del prodotto interno lordo del paese e ha già sospeso le operazioni a dicembre a causa di un blocco.

A fine marzo, il sindacato che rappresenta i lavoratori di Las Bambas della MMG ha annunciato il lancio di un’azione di protesta per chiedere una revisione degli importi degli utili di fine anno pagati dalla compagnia mineraria ai suoi dipendenti.

Il sindacato ha dichiarato che questa è la prima volta che i dipendenti ricevono la loro parte di profitti da quando la miniera di rame è diventata pienamente operativa nel 2016. Las Bambas impiega più di 6.000 persone direttamente e indirettamente.

Mezzi in movimento presso la miniera di Las Bambas. Situata a Apurímac in Perù, a circa 4000 metri sul livello del mare, è una miniera polimetallica con imponenti risorse minerali e riserve di minerale di rame con una vita stimata di almeno 20 anni.

Peru - Manifestazione comunità locale miniera Las Bambas

Perù, 17 gennaio 2022. Manifestanti in marcia con cartelli che recitano “No alla contaminazione ambientale” e “Comunità agricola di Huascabamba”: i leader della comunità locale hanno respinto una proposta del governo per prevenire futuri blocchi che colpiscono la miniera di rame di Las Bambas. Fonte: REUTERS, Sebastian Castaneda

Peru - Manifestazione comunità locale miniera Las Bambas

Perù, gennaio 2022. Manifestanti in marcia con cartelli che recitano “No alla contaminazione ambientale” e “Comunità agricola di Huascabamba”: i leader della comunità locale hanno respinto una proposta del governo per prevenire futuri blocchi che colpiscono la miniera di rame di Las Bambas. Fonte: REUTERS, Sebastian Castaneda

Altro elemento che favorirebbe il rialzo dei prezzi del rame è il calo della produzione cilena.

Il Cile, il più grande paese produttore di rame, ha registrato la sua produzione di gennaio più bassa dal 2011 (429.923 ton). La produzione è crollata il mese scorso del 15% rispetto a dicembre e del 7,5% rispetto al gennaio 2021. La produzione cilena è tipicamente più bassa nel nuovo anno, e può rifluire a seconda se le miniere stanno incontrando sezioni di minerale di qualità superiore o inferiore. Alcune miniere possono recuperare i lavori di terra e la manutenzione che è stata rimandata durante la pandemia. Dopo più di un decennio di siccità, la scarsità d’acqua può anche giocare un ruolo nelle operazioni del Cile centrale. Allo stesso tempo, le piogge stagionali durante il cosiddetto inverno degli altipiani possono aver avuto un impatto su alcune operazioni dell’estremo nord. Qualunque sia la ragione, il crollo della produzione cilena a gennaio, dopo un calo dell’1,9% l’anno scorso, offre poco sollievo a un mercato globale caratterizzato da basse scorte e prezzi elevati.

Secondo l’International Copper Study Group (ICSG), il mercato globale del rame raffinato ha mostrato un deficit di 92.000 tonnellate in dicembre, rispetto al deficit di 123.000 tonnellate in novembre. Per l’intero anno, il mercato ha riportato un deficit di 475.000 tonnellate, rispetto al deficit di 484.000 tonnellate dell’anno precedente.

La produzione mondiale di rame raffinato in dicembre è stata di 2,11 milioni di tonnellate, mentre il consumo è stato di 2,2 milioni di tonnellate. La produzione per l’intero 2021 è stata di 24,5 milioni di tonnellate e il consumo di 25,33 milioni di tonnellate.

L’ICSG ha riferito che la produzione mineraria è cresciuta di circa il 2,3% nel 2021, da una base di partenza 2020 molto bassa, quando i blocchi globali hanno gravemente colpito l’industria mineraria del rame per arginare la diffusione del Covid-19. La crescita media annua nel periodo 2019-2020 è stata solo dello 0,3%.

Chuquicamata, detta anche Chuqui, è la miniera di rame a cielo aperto più grande del mondo. È sita in Cile a 245 km a nord-est del capoluogo Antofagasta.

Chuquicamata, detta anche Chuqui, è la miniera di rame a cielo aperto più grande del mondo. È sita in Cile a 245 km a nord-est del capoluogo Antofagasta.

Chuquicamata, detta anche Chuqui, è la miniera di rame a cielo aperto più grande del mondo. È sita in Cile a 245 km a nord-est del capoluogo Antofagasta.

La produzione in Perù, il secondo paese produttore di rame al mondo, è aumentata di circa il 7% principalmente perché l’industria mineraria peruviana è stata una delle più gravemente colpite da un blocco legato al covid-19 nel 2020. Nonostante la ripresa, la produzione del 2021 è rimasta del 6,5% al di sotto di quella del 2019.

La produzione indonesiana è aumentata di circa il 49% a causa del continuo ramp-up della produzione sotterranea della miniera di Grasberg. Aumenti sostanziali sono stati visti anche nella Repubblica Democratica del Congo (+12%), a Panama (+61%) e in Cina (+10%) a causa della produzione aggiuntiva di operazioni nuove e ampliate o di migliori livelli operativi.

L’industria russa del rame è incentrata principalmente su tre società, Norilsk, UMMC e Russian Copper Company. La produzione delle miniere di rame russe è aumentata di circa il 28% negli ultimi cinque anni, soprattutto grazie all’avvio di due nuove miniere, e ha raggiunto circa 875.000 tonnellate di rame nel 2021, rappresentando circa il 4% della produzione mondiale totale delle miniere di rame.

Secondo l’ICSG, attualmente non ci sono miniere di rame in funzione in Ucraina, e la produzione e l’uso raffinato sono stimati a 20.000 tonnellate di metallo all’anno.

Chuquicamata, detta anche Chuqui, è la miniera di rame a cielo aperto più grande del mondo. È sita in Cile a 245 km a nord-est del capoluogo Antofagasta.

Antofagasta prevede prezzi elevati
per i prossimi 12 mesi

Antofagasta prevede prezzi elevati per i prossimi 12 mesi

Secondo il Ceo Ivan Arriagada di Antofagasta il mercato del rame ha solidi fondamenti nonostante l’attuale volatilità del mercato e manterrà prezzi elevati per almeno i prossimi 12 mesi.

Durante la CRU-CESCO World Copper Conference a Santiago, Arriagada ha anche riferito che la società sta ancora cercando di sviluppare il suo progetto Twin Metals nonostante il rifiuto dell’amministrazione Biden di rinnovare le sue licenze.

Quando si tratta di prezzi del rame, Arriagada ha comunicato che le sue previsione si basano sul ruolo chiave che il rame gioca nella transizione energetica, soprattutto con le auto elettriche.

“Nel breve termine, nei prossimi 12 mesi, la cosa importante è che abbiamo un mercato con fondamentali solidi. C’è un contesto di relativa ristrettezza dovuto alle condizioni della catena di approvvigionamento, l’inflazione, e tutto ciò significa che ci aspettiamo che i prezzi rimangano ai livelli a cui sono stati recentemente, che sono buoni prezzi”.

Tuttavia, l’economia mondiale sta entrando in una fase di minore crescita nel bel mezzo del conflitto in Ucraina e questo dovrà essere considerato in futuro, in particolare nel 2023. L’azienda mantiene il suo obiettivo di produrre 660.000-690.000 tonnellate quest’anno.

Questo fattore include l’impatto della siccità nella sua miniera di punta Los Pelambres, che la società prevede di compensare con un impianto di desalinizzazione nella seconda metà dell’anno.

L’intenzione di Antofagasta è quella di raggiungere un livello di produzione di 900.000 tonnellate entro il 2026. La società ha le risorse minerarie per sostenere questa proiezione e un piano di investimenti importanti.

Ivan Arriagada, CEO di Antofagasta (fonte: Reuters).

Ivan Arriagada, CEO di Antofagasta (fonte: Reuters).

Ivan Arriagada, CEO di Antofagasta (fonte: Reuters).

Ivan Arriagada, CEO di Antofagasta (fonte: Reuters).

Il consiglio di amministrazione di Antofagasta deve decidere se andare avanti con il piano per un nuovo impianto di concentrazione nella sua miniera Centinela entro la fine dell’anno, in un periodo di incertezza politica dovuto a un nuovo governo di sinistra e alla stesura di una nuova costituzione.

Antofagasta ha subito una battuta d’arresto nel suo progetto Twin Metals negli Stati Uniti dopo la sospensione del rinnovo di due licenze federali. Le sospensioni hanno colpito una parte significativa delle operazioni minerarie dell’azienda, ma non riguardano il resto delle licenze dell’azienda.

L’azienda sta valutando l’azione migliore, dal punto di vista legale, per invertire queste decisioni. Nonostante ciò, l’azienda si aspetta di poter realizzare il progetto entro la fine del decennio.

Arriagada ha riferito che la società rimane aperta a qualsiasi opportunità di acquisizione interessante per aumentare il suo portafoglio, anche se al momento sono molto limitate.

Il vicino Perù rimane un punto di interesse nonostante le turbolenze politiche in corso e altre sfide locali. Antofagasta possiede una squadra che lavora in Perù alla ricerca di obiettivi di esplorazione che potrebbero essere interessanti soprattutto per progetti con una prospettiva a lungo termine.

Importazioni ed esportazioni Rame:
la situazione in Cina

Importazioni ed esportazioni Rame: la situazione in Cina

Sul fronte bilancia commerciale Cina si evidenzia come le importazioni di rame siano in calo da circa 3 mesi, dal dicembre 2021, con il dato che si attesta a febbraio a 459.461 tons, in calo del 9,88% rispetto al mese precedente ma in crescita del 12% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Le esportazioni si sono attestate a febbraio a 58.713 tons, in calo del 27% rispetto a gennaio e in flessione del 12,44% rispetto all’analogo periodo dell’anno scorso.

Cina. Andamento importazioni rame.
Cina. Andamento importazioni rame.
Cina. Andamento esportazioni rame.
Cina. Andamento esportazioni rame.
Cina. Andamento variazione percentuale del rapporto tra esportazioni e importazioni di rame.
Cina. Andamento variazione percentuale del rapporto tra esportazioni e importazioni di rame.

Andamento prezzo Rame: segnale rialzista
sul fronte grafico

Andamento prezzo Rame: segnale rialzista sul fronte grafico

Analizzando sul fronte grafico il metallo, partendo da un’orizzonte temporale decisamente di lungo termine (marzo 2020) con candele mensili è possibile osservare come le quotazioni, dopo diversi mesi all’interno di un pennant (triangolo con due linee rosse convergenti), ne siano fuoriuscite al rialzo, violando l’estremità superiore. Questo è un segnale decisamente rialzista per le quotazioni del rame.

La conferma di tale impostazione, andrà ricercata nella stabilizzazione dei prezzi sopra area 10.000 $/ton. I target identificati da questa figura rialzista (pennant) si identificano in area 12.400 $/ton e 13.400 $/ton in un l’asso temporale di medio/lungo termine.

Andamento quotazione rame con candele mensili.
Andamento quotazione rame con candele mensili.

Andamento quotazione Rame
in valuta unica

Andamento quotazione Rame in valuta unica

I prezzi espressi in valuta unica si muovono in un trend decisamente in crescita, con movimenti up and down influenzati dalle oscillazioni del cambio euro dollaro. L’analisi espressa sulle quotazioni in $ valgono anche per il rame in €, tenendo presente la componendo del cambio. I minimi raggiunti nel mese di marzo dal cambio euro dollaro a 1.0804 potrebbero essere un buon punto di partenza per una ripresa delle quotazioni della valuta unica rispetto a quella americana. Esistono quindi spazi di risalita verso 1,1300-1,1500 favorendo una risalita del rame in € oltre i 9.850 €/ton.

Andamento quotazione rame cash € bloomberg.
Andamento quotazione rame cash € bloomberg.

Andamento quotazione Rame: stagionalità

Andamento quotazione Rame: stagionalità

Sul fronte stagionalità, analizzando i dati del rame (come si è comportato mediamente nel mese di riferimento) nei vari periodi temporali presi in considerazione (30, 15, 10, 5 anni), si evidenzia un andamento decisamente positivo per il mese di aprile.

Andamento quotazione rame: stagionalità.
Andamento quotazione rame: stagionalità.

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita

Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato il 31/01/2022.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita

Stagno: focus – Giugno 2022

Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Nonostante la forte ripresa della produzione, il mercato dello stagno è ancora pericolosamente a corto di offerta. Secondo l'International Tin Association (ITA) la produzione globale di stagno raffinato è aumentata dell’11%, raggiungendo le 378.400 tonnellate l’anno scorso. Ma se la produzione è [...]

Acciaio e ghisa: focus e forecast – Maggio 2022

Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il mercato globale dell’acciaio ha continuato a crescere nell’ultimo mese, dopo che l’interruzione della fornitura di ghisa in Ucraina e Russia ha portato a un’impennata dei costi delle materie prime. La ghisa è una delle materie prime chiave nella produzione dell’acciaio [...]

Rame: focus e forecast – Aprile 2022

Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Il mercato londinese del rame è stato brevemente scosso dal crollo dei margini che ha innescato la sospensione dell’8 marzo del mercato del nichel LME, con un picco di breve durata fino a un nuovo massimo storico di 10.845 dollari per tonnellata. Ma da allora il [...]

Nichel: focus e forecast – Marzo 2022

Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta L’invasione russa dell’Ucraina dovrebbe avere un impatto significativo sull’offerta globale di alluminio e sui prezzi, mentre la notizia ha mandato i prezzi del nichel allo Shanghai Futures Exchange ad un massimo storico il 24 febbraio. Il [...]

Alluminio: focus e forecast – Febbraio 2022

Alluminio: i tagli alla produzione in Europa alimentano ulteriori rialzi dei prezzi Alluminio: i tagli alla produzione in Europa alimentano ulteriori rialzi dei prezzi Aluminium Dunkerque Industries France ha ridotto la produzione del metallo nelle ultime due settimane in risposta a un’impennata dei prezzi dell’elettricità. I tagli equivalgono a circa il 3% della capacità produttiva di Aluminium Dunkerque. [...]

Rame: focus e forecast – Dicembre 2021

Rame: la futura domanda/offerta deciderà il trend del metallo Il rally del rame, più che raddoppiato dai suoi minimi storici, è stato alimentato dalla convinzione diffusa che la domanda del metallo di riferimento riceverà una massiccia spinta non solo da un boom economico post-pandemico, ma anche dalla spinta mondiale per la decarbonizzazione. Mentre quasi tutti sono d’accordo sul futuro a [...]