Rame: la futura domanda/offerta deciderà il trend del metallo

Il rally del rame, più che raddoppiato dai suoi minimi storici, è stato alimentato dalla convinzione diffusa che la domanda del metallo di riferimento riceverà una massiccia spinta non solo da un boom economico post-pandemico, ma anche dalla spinta mondiale per la decarbonizzazione.

Mentre quasi tutti sono d’accordo sul futuro a lungo termine del rame, c’è molto meno consenso su quanto il prezzo del metallo brillerà nei prossimi anni.

La domanda futura della Cina diminuirà e l’offerta primaria aumenterà, in particolare da Kamoa-Kakula in Congo, una delle più grandi miniere entrate in produzione negli ultimi decenni (foto in basso), provocando un potenziale ritracciamento delle quotazioni del rame almeno per il 2022.

“La domanda di Rame della Cina diminuirà e l’offerta primaria aumenterà”

Miniera di Rame di Kamoa-Kaula. Veduta aerea della riserva di Kakula Nord
Miniera di Rame di Kamoa-Kaula. Veduta aerea della riserva di Kakula Nord

Veduta aerea della riserva di Kakula Nord. Il “Kamoa-Kakula Copper Project” è stato classificato in modo indipendente come la più grande scoperta di rame di alta qualità non sviluppata al mondo. (Credit: ivanhoemines.com)

Elementi che sosterrebbero un calo dei prezzi almeno per il 2022:

  • In primo luogo, gli alti prezzi del rame hanno accelerato l’aumento dell’offerta delle miniere, che era stata rallentata da scioperi, maltempo e restrizioni di covid-19.
  • In secondo luogo, ci si attende che la domanda di rame torni a diminuire, come si sta già verificando nell’ultimo periodo. Questo è guidato dal rallentamento del settore edilizio cinese, il più grande utilizzatore finale di rame.
  • I costi di trattamento e raffinazione (TC/RC) pagati dai minatori alle fonderie per trasformare il concentrato in metallo raffinato aumentano quando l’offerta è abbondante e diminuiscono quando le fonderie sono costrette a competere per il materiale scarso. Mentre i TC/RC sono saliti a circa 60 dollari a tonnellata dai livelli storicamente bassi di poco più di 20 dollari a tonnellata in aprile, gli oneri di oggi sono ancora paragonabili ai picchi di 130 dollari degli anni 2010.
  • Infine, ci si aspetta che il mercato globale del rame entri in un’eccedenza di circa 200.000 tonnellate l’anno prossimo, dopo quattro anni di deficit, incluso un deficit di più di 800.000 tonnellate nel 2020.

Veduta aerea della riserva di Kakula Nord. Il “Kamoa-Kakula Copper Project” è stato classificato in modo indipendente come la più grande scoperta di rame di alta qualità non sviluppata al mondo. (Credit: ivanhoemines.com)

Elementi che sosterrebbero un calo dei prezzi almeno per il 2022:

  • In primo luogo, gli alti prezzi del rame hanno accelerato l’aumento dell’offerta delle miniere, che era stata rallentata da scioperi, maltempo e restrizioni di covid-19.
  • In secondo luogo, ci si attende che la domanda di rame torni a diminuire, come si sta già verificando nell’ultimo periodo. Questo è guidato dal rallentamento del settore edilizio cinese, il più grande utilizzatore finale di rame.
  • I costi di trattamento e raffinazione (TC/RC) pagati dai minatori alle fonderie per trasformare il concentrato in metallo raffinato aumentano quando l’offerta è abbondante e diminuiscono quando le fonderie sono costrette a competere per il materiale scarso. Mentre i TC/RC sono saliti a circa 60 dollari a tonnellata dai livelli storicamente bassi di poco più di 20 dollari a tonnellata in aprile, gli oneri di oggi sono ancora paragonabili ai picchi di 130 dollari degli anni 2010.
  • Infine, ci si aspetta che il mercato globale del rame entri in un’eccedenza di circa 200.000 tonnellate l’anno prossimo, dopo quattro anni di deficit, incluso un deficit di più di 800.000 tonnellate nel 2020.

Nel frattempo, nel mese di novembre, le proteste hanno costretto la più grande miniera del Perù a fermare le operazioni. Le operazioni della miniera di rame e zinco Antamina in Perù, il più grande produttore del paese del metallo rosso (foto in basso), sono state sospese a causa di un blocco stradale imposto dalla gente che crede che la miniera non abbia rispettato i suoi impegni per sostenere le comunità locali.

La dimostrazione è l’ultima di una serie di proteste contro le compagnie minerarie da quando il presidente Pedro Castillo è entrato in carica a luglio.

I dati del governo mostrano che Antamina ha prodotto 302.958 tonnellate di rame nel periodo gennaio-agosto, un aumento del 25,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Ha anche pagato tasse che rappresentano circa il 4% delle entrate fiscali totali del paese nel 2020.

I disordini sociali nelle aree minerarie della nazione appesantiscono le preoccupazioni globali su un incombente deficit di rame.

Secondo le stime del CRU Group, l’industria del rame ha bisogno di spendere più di 100 miliardi di dollari per chiudere quella che potrebbe essere una carenza annuale di 4,7 milioni di tonnellate entro il 2030.

“I disordini sociali nelle aree minerarie cilene appesantiscono le preoccupazioni globali su un incombente deficit di rame”

La miniera di Antamina, nelle Ande del Perù, è una delle più grandi miniere di rame/zinco al mondo
La miniera di Antamina, nelle Ande del Perù, è una delle più grandi miniere di rame/zinco al mondo

La miniera di Antamina, nelle Ande del Perù, è una delle più grandi miniere di rame/zinco al mondo.

Le elezioni in Cile possono avere un impatto sull’offerta mondiale di rame

Le elezioni in Cile, la prima nazione produttrice di rame al mondo che ha anche le più grandi riserve di litio conosciute, saranno le prime da quando mesi di violente proteste sulla disuguaglianza hanno scosso la nazione alla fine del 2019. Le elezioni arrivano mentre la nazione è nel bel mezzo della stesura di una nuova costituzione per sostituire quella approvata durante il regime militare del dittatore Augusto Pinochet, che è considerata la causa principale delle realtà socio-economiche estreme che hanno diviso le nazioni per decenni.

Entrambi i candidati sono a favore della diversificazione dell’industria mineraria del paese in altri metalli oltre al rame e al molibdeno, migliorando la sostenibilità e abbassando le emissioni. I risultati del ballottaggio del 19 dicembre decideranno il destino di una controversa riforma fiscale che potrebbe mettere a rischio un quarto della produzione cilena di rame.

La miniera di Antamina, nelle Ande del Perù, è una delle più grandi miniere di rame/zinco al mondo.

Le elezioni in Cile possono avere un impatto sull’offerta mondiale di rame

Le elezioni in Cile, la prima nazione produttrice di rame al mondo che ha anche le più grandi riserve di litio conosciute, saranno le prime da quando mesi di violente proteste sulla disuguaglianza hanno scosso la nazione alla fine del 2019. Le elezioni arrivano mentre la nazione è nel bel mezzo della stesura di una nuova costituzione per sostituire quella approvata durante il regime militare del dittatore Augusto Pinochet, che è considerata la causa principale delle realtà socio-economiche estreme che hanno diviso le nazioni per decenni.

Entrambi i candidati sono a favore della diversificazione dell’industria mineraria del paese in altri metalli oltre al rame e al molibdeno, migliorando la sostenibilità e abbassando le emissioni. I risultati del ballottaggio del 19 dicembre decideranno il destino di una controversa riforma fiscale che potrebbe mettere a rischio un quarto della produzione cilena di rame.

Elezioni Cile - Kast, Boric

In Cile si andrà al ballottaggio per le elezioni presidenziali: ad affrontarsi saranno il candidato dell’estrema destra José Antonio Kast (foto a destra) finito in testa con il 27,92% dei voti nel primo turno, noto per le sue dichiarazioni su Pinochet, e il candidato della sinistra radicale Gabriel Boric, 35 anni, ex leader studentesco che ha ottenuto quasi il 25,8%. Il ballottaggio si terrà il 19 dicembre.

Elezioni Cile - Kast, Boric

In Cile si andrà al ballottaggio per le elezioni presidenziali: ad affrontarsi saranno il candidato dell’estrema destra José Antonio Kast (foto a destra) finito in testa con il 27,92% dei voti nel primo turno, noto per le sue dichiarazioni su Pinochet, e il candidato della sinistra radicale Gabriel Boric, 35 anni, ex leader studentesco che ha ottenuto quasi il 25,8%. Il ballottaggio si terrà il 19 dicembre.

Il governo ha previsto investimenti minerari per circa 70 miliardi di dollari fino alla fine del decennio, la maggior parte da aziende private.

Il Cile ha prodotto l’anno scorso un terzo del rame mondiale sotto forma di concentrati, anodi e catodi. La nazione è anche il secondo produttore di litio ed è sede di grandi riserve di zinco, molibdeno, oro, argento e piombo.

Si stima che il Cile avrebbe bisogno di 150 miliardi di dollari di investimenti per raggiungere il suo obiettivo di quasi raddoppiare la produzione di rame, entro il 2050. Il rame è visto come un faro per la crescita economica a causa del ruolo centrale di tale metallo nella costruzione, nel cablaggio e nei prodotti elettronici. È anche considerato un metallo chiave nella transizione globale in corso verso un’economia verde.

BHP, il più grande minatore del mondo, stima che il mondo avrà bisogno di quasi il doppio del rame nei prossimi 30 anni.

Le compagnie minerarie e gli investitori seguiranno da vicino i prossimi eventi in Cile. I risultati delle elezioni presidenziali e congressuali, il futuro della legge sulle royalties e la riscrittura della costituzione sono fondamentali per il futuro degli investimenti stranieri nella nazione e la disponibilità di metalli critici.

Il governo ha previsto investimenti minerari per circa 70 miliardi di dollari fino alla fine del decennio, la maggior parte da aziende private.

Il Cile ha prodotto l’anno scorso un terzo del rame mondiale sotto forma di concentrati, anodi e catodi. La nazione è anche il secondo produttore di litio ed è sede di grandi riserve di zinco, molibdeno, oro, argento e piombo.

Si stima che il Cile avrebbe bisogno di 150 miliardi di dollari di investimenti per raggiungere il suo obiettivo di quasi raddoppiare la produzione di rame, entro il 2050. Il rame è visto come un faro per la crescita economica a causa del ruolo centrale di tale metallo nella costruzione, nel cablaggio e nei prodotti elettronici. È anche considerato un metallo chiave nella transizione globale in corso verso un’economia verde.

BHP, il più grande minatore del mondo, stima che il mondo avrà bisogno di quasi il doppio del rame nei prossimi 30 anni.

Le compagnie minerarie e gli investitori seguiranno da vicino i prossimi eventi in Cile. I risultati delle elezioni presidenziali e congressuali, il futuro della legge sulle royalties e la riscrittura della costituzione sono fondamentali per il futuro degli investimenti stranieri nella nazione e la disponibilità di metalli critici.

La nuova variante Omicron spaventa i mercati

L’identificazione della variante covid “Omicron” recentemente individuata in Sud Africa, ha alimentato le preoccupazioni per il suo impatto sulla crescita economica, con i mercati che cercano di valutare la gravità e il possibile impatto sulla ripresa economica.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito che decidere il livello di gravità della variante potrebbe richiedere “da giorni a diverse settimane” in assenza di informazioni che i suoi sintomi differiscono da quelli di altre varianti.

La variante è stata rilevata in Australia, Gran Bretagna, Canada, Germania e Hong Kong.

Depositi Lme - novembre 2021 - sempre più in flessione
Depositi Lme - novembre 2021 - sempre più in flessione

Depositi Lme – novembre 2021 – sempre più in flessione.

Il materiale è sempre meno disponibile, con i depositi ufficiali Lme sempre più in caduta, con 80 mila ton in stoccaggio e circa 10 mila pronti per la consegna (cancelled warrant).

Tutto ciò ha portato gli operatori di mercato ad anticipare, quando possibile, gli acquisti di materiale, favorendo un rialzo del prezzo cash rispetto alla scadenza 3 mesi. Tale fenomeno viene chiamato “backwardation” (prezzo cash > prezzo 3 mesi) e si verifica quando c’è scarsità di fornitura, che spinge in alto il prezzo attuale.

Al 30 novembre il differenziale medio tra il cash e il 3 mesi è di circa 90 $/ton.

Depositi Lme – novembre 2021 – sempre più in flessione.

Il materiale è sempre meno disponibile, con i depositi ufficiali Lme sempre più in caduta, con 80 mila ton in stoccaggio e circa 10 mila pronti per la consegna (cancelled warrant).

Tutto ciò ha portato gli operatori di mercato ad anticipare, quando possibile, gli acquisti di materiale, favorendo un rialzo del prezzo cash rispetto alla scadenza 3 mesi. Tale fenomeno viene chiamato “backwardation” (prezzo cash > prezzo 3 mesi) e si verifica quando c’è scarsità di fornitura, che spinge in alto il prezzo attuale.

Al 30 novembre il differenziale medio tra il cash e il 3 mesi è di circa 90 $/ton.

Andamento Rame - Premi rame Livorno
Andamento Rame - Premi rame Rotterdam
Andamento Rame - Premi rame Livorno
Andamento Rame - Premi rame Rotterdam

Premi rame Livorno e Rotterdam (Elaborazione Commodity Evolution).

La scarsità di materiale ha fatto lievitare anche i premi riferiti al rame, con il grafico a sinistra (Catodo di rame grado A Livorno CIF – porto specifico di arrivo-dollaro/ton) che è rimbalzato del 68% dai minimi di agosto 2020.

Mentre nel grafico a destra (Catodo di rame grado A Rotterdam dollaro/ton) la salita è risultata più contenuta, di circa il 20%.

Importazione/esportazioni di rame grezzo e prodotti in rame

Le importazioni cinesi di di rame grezzo e prodotti in rame sono lievemente salite a 410 mila tons nel mese di ottobre mentre le esportazioni sono scese a 69 mila tons.

  • Ottobre Import: 410 mila di tons +1.11 % su base mensile e -33.58% su base annua
  • Ottobre Export: 69 mila di tons -4.11% su base mensile e +6.27% su base annua.

Premi rame Livorno e Rotterdam (Elaborazione Commodity Evolution).

La scarsità di materiale ha fatto lievitare anche i premi riferiti al rame, con il grafico a sinistra (Catodo di rame grado A Livorno CIF – porto specifico di arrivo-dollaro/ton) che è rimbalzato del 68% dai minimi di agosto 2020.

Mentre nel grafico a destra (Catodo di rame grado A Rotterdam dollaro/ton) la salita è risultata più contenuta, di circa il 20%.

Importazione/esportazioni di rame grezzo e prodotti in rame

Le importazioni cinesi di di rame grezzo e prodotti in rame sono lievemente salite a 410 mila tons nel mese di ottobre mentre le esportazioni sono scese a 69 mila tons.

  • Ottobre Import: 410 mila di tons +1.11 % su base mensile e -33.58% su base annua
  • Ottobre Export: 69 mila di tons -4.11% su base mensile e +6.27% su base annua.

Importazioni / Esportazioni rame e prodotti in rame, Cina – ottobre 2021 (Elaborazione Commodity Evolution).

Importazioni/esportazioni rame e prodotti in rame - Cina - ottobre 2021
Importazioni/esportazioni rame e prodotti in rame - Cina - ottobre 2021
Importazioni/esportazioni rame e prodotti in rame - Cina - ottobre 2021
Importazioni/esportazioni rame e prodotti in rame - Cina - ottobre 2021

Importazioni / Esportazioni rame e prodotti in rame, Cina – ottobre 2021 (Elaborazione Commodity Evolution).

Andamento prezzo del rame: cosa aspettarsi

Rame LME 3 mesi in $/ton
Rame LME 3 mesi in $/ton

Rame LME 3 mesi in $/ton.

Il rame, dopo aver fatto registrare nuovi massimi pluriennali a 10.745 $/ton, ha iniziato una fase di assestamento in un range di prezzo compreso tra 9.920 $/ton e i recenti minimi a quota 9.315 $/ton. Nonostante le quotazioni siano supportate da supporti dinamici importanti (medie mobile a 100 e 200 giorni) sarà fondamentale monitorare la situazione con estrema attenzione. Infatti con un’eventuale perforazione al ribasso di questi livelli (9.470 $/ton), visto il momento parecchio delicato con molti eventi esogeni che impattano sul mercato, si potrebbe assistere a una nuova flessione dei prezzi, verso i supporti posizionati in zona 9.300 $/ton in prima battuta.

Rame LME 3 mesi in $/ton.

Il rame, dopo aver fatto registrare nuovi massimi pluriennali a 10.745 $/ton, ha iniziato una fase di assestamento in un range di prezzo compreso tra 9.920 $/ton e i recenti minimi a quota 9.315 $/ton. Nonostante le quotazioni siano supportate da supporti dinamici importanti (medie mobile a 100 e 200 giorni) sarà fondamentale monitorare la situazione con estrema attenzione. Infatti con un’eventuale perforazione al ribasso di questi livelli (9.470 $/ton), visto il momento parecchio delicato con molti eventi esogeni che impattano sul mercato, si potrebbe assistere a una nuova flessione dei prezzi, verso i supporti posizionati in zona 9.300 $/ton in prima battuta.

Rame LME cash € bloomberg-ton
Rame LME cash € bloomberg-ton

Rame LME cash € bloomberg-ton.

Decisa fase di assestamento anche per i prezzi in € bloomberg, ora in appoggio alla linea dinamica rappresentata dalla tendenza rialzista verde. Da monitorare un’eventuale flessione delle quotazioni sotto questo livello per assistere, anche in questo caso, ad ulteriori discese dei prezzi, quanto espresso in linea con quelli in $.

Rame LME cash € bloomberg-ton.

Decisa fase di assestamento anche per i prezzi in € bloomberg, ora in appoggio alla linea dinamica rappresentata dalla tendenza rialzista verde. Da monitorare un’eventuale flessione delle quotazioni sotto questo livello per assistere, anche in questo caso, ad ulteriori discese dei prezzi, quanto espresso in linea con quelli in $.

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita
Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato l’1/12/2021.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Alla pagina raggiungibile con il pulsante a destra è possibile richiedere una prova gratuita, o avere maggiori informazioni.

Prova gratuita

Stagno: focus – Giugno 2022

Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Nonostante la forte ripresa della produzione, il mercato dello stagno è ancora pericolosamente a corto di offerta. Secondo l'International Tin Association (ITA) la produzione globale di stagno raffinato è aumentata dell’11%, raggiungendo le 378.400 tonnellate l’anno scorso. Ma se la produzione è [...]

Acciaio e ghisa: focus e forecast – Maggio 2022

Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il mercato globale dell’acciaio ha continuato a crescere nell’ultimo mese, dopo che l’interruzione della fornitura di ghisa in Ucraina e Russia ha portato a un’impennata dei costi delle materie prime. La ghisa è una delle materie prime chiave nella produzione dell’acciaio [...]

Rame: focus e forecast – Aprile 2022

Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Il mercato londinese del rame è stato brevemente scosso dal crollo dei margini che ha innescato la sospensione dell’8 marzo del mercato del nichel LME, con un picco di breve durata fino a un nuovo massimo storico di 10.845 dollari per tonnellata. Ma da allora il [...]

Nichel: focus e forecast – Marzo 2022

Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta L’invasione russa dell’Ucraina dovrebbe avere un impatto significativo sull’offerta globale di alluminio e sui prezzi, mentre la notizia ha mandato i prezzi del nichel allo Shanghai Futures Exchange ad un massimo storico il 24 febbraio. Il [...]

Alluminio: focus e forecast – Febbraio 2022

Alluminio: i tagli alla produzione in Europa alimentano ulteriori rialzi dei prezzi Alluminio: i tagli alla produzione in Europa alimentano ulteriori rialzi dei prezzi Aluminium Dunkerque Industries France ha ridotto la produzione del metallo nelle ultime due settimane in risposta a un’impennata dei prezzi dell’elettricità. I tagli equivalgono a circa il 3% della capacità produttiva di Aluminium Dunkerque. [...]

Rame: focus e forecast – Dicembre 2021

Rame: la futura domanda/offerta deciderà il trend del metallo Il rally del rame, più che raddoppiato dai suoi minimi storici, è stato alimentato dalla convinzione diffusa che la domanda del metallo di riferimento riceverà una massiccia spinta non solo da un boom economico post-pandemico, ma anche dalla spinta mondiale per la decarbonizzazione. Mentre quasi tutti sono d’accordo sul futuro a [...]