Produzione e vendita stagno: Yunnan Tin registra un nuovo record di profitti

Yunnan Tin Company (YTC), maggiore produttore ed esportatore di stagno in Cina e nel mondo, ha registrato profitti record nella prima metà del 2021 grazie ai prezzi dei metalli di base e all’aumento della produzione.

Molti paesi stanno investendo in infrastrutture per rilanciare le economie dopo dagli impatti della pandemia e il prezzo di molti metalli ha raggiunto livelli molto alti. Essendo uno dei principali produttori di stagno, oltre a rame, zinco e altri sottoprodotti, YTC si è trovata in una buona posizione per trarre vantaggio da tale situazione di mercato.

Con le infezioni da COVID estremamente basse in Cina, l’azienda è stata in grado di riprendersi rispetto al 2020. YTC ha prodotto circa 43.200 tonnellate di stagno (lingotti e sottoprodotti) nel primo semestre, con un incremento del 25,5%. La produzione di rame e zinco è aumentata rispettivamente del 26,1% e dell’11,1%.

Oltre al miglioramento della produzione, anche le vendite sono aumentate nella prima metà del 2021 rispetto a un anno fa. Le vendite di lingotti di stagno sono aumentate del 59% su base annua, con catodi di rame e lingotti di zinco rispettivamente del 17,1% e dell’8%.

Inoltre, YTC produce anche alcuni prodotti contenenti stagno di fascia media. Le vendite di stagno per saldatura e prodotti chimici sono migliorate rispettivamente del 21% e del 12%, poiché le aziende che utilizzano lo stagno più a valle hanno cercato di aumentare la propria attività.

Questi miglioramenti su tutta la linea si sono combinati per dare a YTC un utile netto attribuibile di 960 milioni di RMB. Ciò rappresenta un aumento del 375% rispetto allo scorso anno ed è un nuovo record per l’azienda.

YTC ha terminato la manutenzione della sua fonderia principale, iniziata il 28 giugno. I lavori, durati 45 giorni, sono stati completati nei tempi previsti e la produzione è stata riavviata.

“Miglioramenti su tutta la linea si sono combinati per dare a YTC un utile netto attribuibile di 960 milioni di RMB: un aumento del 375% rispetto al 2020, e nuovo record per l’azienda.”

Importazioni/esportazioni stagno Cina

Fase di assestamento per le importazioni cinesi di stagno nel mese di luglio.

Per quanto riguarda le esportazioni, il mese di luglio è stato caratterizzato da una risalita del 26% su base mensile mentre su base annua si evidenzia una performance del +694%.

La Cina resiste come fornitore di ultima istanza: il paese è risultato esportatore netto di stagno raffinato anche nel mese di luglio.

Esportazioni/Importazioni stagno Cina - luglio 2021

Esportazioni/Importazioni stagno Cina – luglio 2021

Variazione % esportazioni/Importazioni stagno Cina - luglio 2021

Variazione % esportazioni/importazioni stagno Cina – luglio 2021

Se osserviamo le esportazioni su base cumulata (da gennaio a luglio 2021) queste hanno superato tutti i livelli precedenti, con un valore di esportazioni cumulate nei prime sette mesi di 335 mln di $.

Le importazioni cumulate da gennaio a luglio 2021 continuano a restano al di sotto delle cumulate dell’anno 2020.

Esportazioni cumulate stagno Cina - luglio 2021

Esportazioni cumulate stagno Cina – luglio 2021

Importazioni cumulate stagno Cina - luglio 2021

Importazioni cumulate stagno Cina – luglio 2021

La forza dello stagno quotato sul mercato cinese ha proseguito nel recuperare terreno rispetto allo stagno quotato sul mercato europeo.

ShFE/Lme Stagno Charts

ShFE/Lme Stagno Charts

Andamento quotazione stagno: flessione (agosto) e reazione (settembre)

Nel mese di agosto, per via delle chiusure per la pausa estiva, con minori volumi di contrattazione, si sono verifica decise flessioni dei prezzi. In effetti i prezzi hanno stornato in maniera decisa, scendendo ad un minimo a 31150 $/ton – 20 agosto. La successiva reazione potrà potenzialmente proseguire anche per la prima parte del mese di settembre, con prime conferme sopra area 34000 $/ton, in possibile allungo in direzione dei successivi obiettivi posti in zona 35000 $/ton e 36000 $/ton, livello di prezzo da tenere sotto controllo.

Stagno 3 mesi in $ Lme - Grafico giornaliero

Stagno 3 mesi in $ Lme – Grafico giornaliero

Anche in questo caso, la correzione dei prezzi ha raggiunto area 28000 €/ton (poco sotto area 28500 €/ton). Per il mese di settembre, l’attuale risalita dei prezzi potrà raggiungere i primi obiettivi verso zona 30200 €/ton 30500 €/ton, in coerenza con l’attuale recupero delle quotazioni espresse in $.

Stagno cash €/Bloomberg - Grafico giornaliero

Stagno cash €/Bloomberg – Grafico giornaliero

In calo del 32% rispetto alla chiusura di luglio per i depositi dello stagno detenuti nei magazzini Lme (1555 tons), di cui 675 tons sono i contratti chiusi destinati al carico fisico con 880 tons di contratti ancora aperti e disponibili nei magazzini certificati.

Depositi Stagno - Grafico giornaliero

Depositi Stagno – Grafico giornaliero

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita

Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato il 23/08/2021.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita

Stagno: focus – Giugno 2022

Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Nonostante la forte ripresa della produzione, il mercato dello stagno è ancora pericolosamente a corto di offerta. Secondo l'International Tin Association (ITA) la produzione globale di stagno raffinato è aumentata dell’11%, raggiungendo le 378.400 tonnellate l’anno scorso. Ma se la produzione è [...]

Acciaio e ghisa: focus e forecast – Maggio 2022

Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il mercato globale dell’acciaio ha continuato a crescere nell’ultimo mese, dopo che l’interruzione della fornitura di ghisa in Ucraina e Russia ha portato a un’impennata dei costi delle materie prime. La ghisa è una delle materie prime chiave nella produzione dell’acciaio [...]

Rame: focus e forecast – Aprile 2022

Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Il mercato londinese del rame è stato brevemente scosso dal crollo dei margini che ha innescato la sospensione dell’8 marzo del mercato del nichel LME, con un picco di breve durata fino a un nuovo massimo storico di 10.845 dollari per tonnellata. Ma da allora il [...]

Nichel: focus e forecast – Marzo 2022

Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta L’invasione russa dell’Ucraina dovrebbe avere un impatto significativo sull’offerta globale di alluminio e sui prezzi, mentre la notizia ha mandato i prezzi del nichel allo Shanghai Futures Exchange ad un massimo storico il 24 febbraio. Il [...]

Alluminio: focus e forecast – Febbraio 2022

Alluminio: i tagli alla produzione in Europa alimentano ulteriori rialzi dei prezzi Alluminio: i tagli alla produzione in Europa alimentano ulteriori rialzi dei prezzi Aluminium Dunkerque Industries France ha ridotto la produzione del metallo nelle ultime due settimane in risposta a un’impennata dei prezzi dell’elettricità. I tagli equivalgono a circa il 3% della capacità produttiva di Aluminium Dunkerque. [...]

Rame: focus e forecast – Dicembre 2021

Rame: la futura domanda/offerta deciderà il trend del metallo Il rally del rame, più che raddoppiato dai suoi minimi storici, è stato alimentato dalla convinzione diffusa che la domanda del metallo di riferimento riceverà una massiccia spinta non solo da un boom economico post-pandemico, ma anche dalla spinta mondiale per la decarbonizzazione. Mentre quasi tutti sono d’accordo sul futuro a [...]