Produzione e vendita stagno: Yunnan Tin registra un nuovo record di profitti

Yunnan Tin Company (YTC), maggiore produttore ed esportatore di stagno in Cina e nel mondo, ha registrato profitti record nella prima metà del 2021 grazie ai prezzi dei metalli di base e all’aumento della produzione.

Molti paesi stanno investendo in infrastrutture per rilanciare le economie dopo dagli impatti della pandemia e il prezzo di molti metalli ha raggiunto livelli molto alti. Essendo uno dei principali produttori di stagno, oltre a rame, zinco e altri sottoprodotti, YTC si è trovata in una buona posizione per trarre vantaggio da tale situazione di mercato.

Con le infezioni da COVID estremamente basse in Cina, l’azienda è stata in grado di riprendersi rispetto al 2020. YTC ha prodotto circa 43.200 tonnellate di stagno (lingotti e sottoprodotti) nel primo semestre, con un incremento del 25,5%. La produzione di rame e zinco è aumentata rispettivamente del 26,1% e dell’11,1%.

Oltre al miglioramento della produzione, anche le vendite sono aumentate nella prima metà del 2021 rispetto a un anno fa. Le vendite di lingotti di stagno sono aumentate del 59% su base annua, con catodi di rame e lingotti di zinco rispettivamente del 17,1% e dell’8%.

Inoltre, YTC produce anche alcuni prodotti contenenti stagno di fascia media. Le vendite di stagno per saldatura e prodotti chimici sono migliorate rispettivamente del 21% e del 12%, poiché le aziende che utilizzano lo stagno più a valle hanno cercato di aumentare la propria attività.

Questi miglioramenti su tutta la linea si sono combinati per dare a YTC un utile netto attribuibile di 960 milioni di RMB. Ciò rappresenta un aumento del 375% rispetto allo scorso anno ed è un nuovo record per l’azienda.

YTC ha terminato la manutenzione della sua fonderia principale, iniziata il 28 giugno. I lavori, durati 45 giorni, sono stati completati nei tempi previsti e la produzione è stata riavviata.

“Miglioramenti su tutta la linea si sono combinati per dare a YTC un utile netto attribuibile di 960 milioni di RMB: un aumento del 375% rispetto al 2020, e nuovo record per l’azienda.”

Importazioni/esportazioni stagno Cina

Fase di assestamento per le importazioni cinesi di stagno nel mese di luglio.

Per quanto riguarda le esportazioni, il mese di luglio è stato caratterizzato da una risalita del 26% su base mensile mentre su base annua si evidenzia una performance del +694%.

La Cina resiste come fornitore di ultima istanza: il paese è risultato esportatore netto di stagno raffinato anche nel mese di luglio.

Esportazioni/Importazioni stagno Cina - luglio 2021

Esportazioni/Importazioni stagno Cina – luglio 2021

Variazione % esportazioni/Importazioni stagno Cina - luglio 2021

Variazione % esportazioni/importazioni stagno Cina – luglio 2021

Se osserviamo le esportazioni su base cumulata (da gennaio a luglio 2021) queste hanno superato tutti i livelli precedenti, con un valore di esportazioni cumulate nei prime sette mesi di 335 mln di $.

Le importazioni cumulate da gennaio a luglio 2021 continuano a restano al di sotto delle cumulate dell’anno 2020.

Esportazioni cumulate stagno Cina - luglio 2021

Esportazioni cumulate stagno Cina – luglio 2021

Importazioni cumulate stagno Cina - luglio 2021

Importazioni cumulate stagno Cina – luglio 2021

La forza dello stagno quotato sul mercato cinese ha proseguito nel recuperare terreno rispetto allo stagno quotato sul mercato europeo.

ShFE/Lme Stagno Charts

ShFE/Lme Stagno Charts

Andamento quotazione stagno: flessione (agosto) e reazione (settembre)

Nel mese di agosto, per via delle chiusure per la pausa estiva, con minori volumi di contrattazione, si sono verifica decise flessioni dei prezzi. In effetti i prezzi hanno stornato in maniera decisa, scendendo ad un minimo a 31150 $/ton – 20 agosto. La successiva reazione potrà potenzialmente proseguire anche per la prima parte del mese di settembre, con prime conferme sopra area 34000 $/ton, in possibile allungo in direzione dei successivi obiettivi posti in zona 35000 $/ton e 36000 $/ton, livello di prezzo da tenere sotto controllo.

Stagno 3 mesi in $ Lme - Grafico giornaliero

Stagno 3 mesi in $ Lme – Grafico giornaliero

Anche in questo caso, la correzione dei prezzi ha raggiunto area 28000 €/ton (poco sotto area 28500 €/ton). Per il mese di settembre, l’attuale risalita dei prezzi potrà raggiungere i primi obiettivi verso zona 30200 €/ton 30500 €/ton, in coerenza con l’attuale recupero delle quotazioni espresse in $.

Stagno cash €/Bloomberg - Grafico giornaliero

Stagno cash €/Bloomberg – Grafico giornaliero

In calo del 32% rispetto alla chiusura di luglio per i depositi dello stagno detenuti nei magazzini Lme (1555 tons), di cui 675 tons sono i contratti chiusi destinati al carico fisico con 880 tons di contratti ancora aperti e disponibili nei magazzini certificati.

Depositi Stagno - Grafico giornaliero

Depositi Stagno – Grafico giornaliero

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita

Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato il 23/08/2021.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita

Piombo: focus – Agosto 2022

Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Metals X ha pubblicato i risultati di quello che sembra essere stato un trimestre difficile su più fronti. Durante il secondo trimestre del 2022, dalla miniera di Renison sono state prodotte circa 2.154 tonnellate di stagno. Si tratta di un calo del 13% rispetto [...]

  • Russia, Bratsk: alluminio smelter

Alluminio: focus – Luglio 2022

Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 L’alluminio è sceso al suo minimo in quasi cinque mesi, quando i fondi istituzionali hanno tagliato le loro posizioni in acquisto a causa del rallentamento della domanda, anche se le [...]

Stagno: focus – Giugno 2022

Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Nonostante la forte ripresa della produzione, il mercato dello stagno è ancora pericolosamente a corto di offerta. Secondo l'International Tin Association (ITA) la produzione globale di stagno raffinato è aumentata dell’11%, raggiungendo le 378.400 tonnellate l’anno scorso. Ma se la produzione è [...]

Acciaio e ghisa: focus e forecast – Maggio 2022

Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il mercato globale dell’acciaio ha continuato a crescere nell’ultimo mese, dopo che l’interruzione della fornitura di ghisa in Ucraina e Russia ha portato a un’impennata dei costi delle materie prime. La ghisa è una delle materie prime chiave nella produzione dell’acciaio [...]

Rame: focus e forecast – Aprile 2022

Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Il mercato londinese del rame è stato brevemente scosso dal crollo dei margini che ha innescato la sospensione dell’8 marzo del mercato del nichel LME, con un picco di breve durata fino a un nuovo massimo storico di 10.845 dollari per tonnellata. Ma da allora il [...]

Nichel: focus e forecast – Marzo 2022

Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta L’invasione russa dell’Ucraina dovrebbe avere un impatto significativo sull’offerta globale di alluminio e sui prezzi, mentre la notizia ha mandato i prezzi del nichel allo Shanghai Futures Exchange ad un massimo storico il 24 febbraio. Il [...]