L’industria dell’alluminio

L’alluminio è uno dei metalli più abbondanti al mondo, tipicamente estratto dal minerale di bauxite. La Guinea, l’Australia e il Vietnam sono citati come ospitanti le maggiori riserve di bauxite, mentre la Cina è in testa in termini di livelli di produzione delle fonderie di alluminio. Hongqiao Group, Chalco, Shandong Xinfa, Rusal, Alcoa e Rio Tinto sono classificati tra i maggiori produttori di alluminio a livello mondiale.

In termini di domanda, i mercati chiave includono Cina, Stati Uniti, Germania, India e Giappone. I principali utenti finali del metallo di base sono racchiusi in due fondamentali settori: trasporto e costruzione, che insieme costituiscono quasi la metà del mercato.

Forte volatilità sui prezzi

I prezzi dell’alluminio sono stati piuttosto volatili per la maggior parte dell’ultimo decennio. Tra ottobre e dicembre del 2016, i prezzi erano così bassi che molte fonderie di alluminio hanno dovuto aumentare i loro livelli di capacità di produzione inattiva. Il rallentamento dell’economia cinese ha abbassato di nuovo il prezzo nel 2019. Questo, abbinato all’eccesso di capacità e sovrapproduzione, ha contribuito al mantenimento della sua leadership sul mercato della produzione. Il crescente volume di alluminio riciclato potrà contribuire a ridurre lo squilibrio tra domanda e offerta nel settore dell’alluminio.

L’impatto della pandemia

La pandemia di coronavirus del 2020 ha interrotto il commercio di metalli e prodotti metallici, compreso l’alluminio. La domanda di alluminio è scesa quando i paesi hanno imposto severe misure di blocco per frenare la diffusione del virus. La crisi sanitaria si è fatta sentire in tutta l’industria dell’alluminio, con Chalco che nel 2020 ha subìto un calo delle entrate di quasi cinque miliardi di yuan. Lo stesso anno Rusal, terza azienda leader nella produzione di alluminio primario, ha registrato un calo più ripido di oltre l’11% delle sue entrate rispetto al 2019. Le proiezioni delle dimensioni del mercato globale dell’alluminio prevedono di raggiungere circa 210 miliardi di dollari entro il 2027.

“Le proiezioni del mercato globale dell’alluminio prevedono di raggiungere, entro il 2027, un giro d’affari di circa 210 miliardi di dollari”

Andamento produzione alluminio - Aprile 2021 – Elaborazione Commodity Evolution

Andamento produzione alluminio – Aprile 2021 – Elaborazione Commodity Evolution

Andamento produzione alluminio - Aprile 2021 – Elaborazione Commodity Evolution

Andamento produzione alluminio – Aprile 2021 – Elaborazione Commodity Evolution

Importazione/esportazioni alluminio Cina

Sul fronte import ed export del maggior paese utilizzatore di materie prime, si riscontra una crescita delle importazioni di alluminio, innescata da febbraio (281.000 tonnellate ad aprile +165% rispetto ad aprile 2020). Su base cumulata (gennaio + febbraio + marzo + aprile 2021) siamo sopra i livelli di giugno 2020. Sul fronte delle esportazioni, quest’ultime restano stabili a 437.000 tonnellate (-0,88% rispetto ad aprile 2020).

Importazioni - Esportazioni - alluminio Cina - aprile 2021 – Elaborazione Commodity Evolution

Importazioni ed esportazioni alluminio Cina, Aprile 2021 – Elaborazione Commodity Evolution

“Il mercato cinese registra una crescita delle importazioni e una stabilità nelle esportazioni”

In aumento i premi delle billette di alluminio

La mancanza di metallo cinese ha dirottato tutta la domanda dentro i confini europei. Ciò ha creato una carenza di alluminio a partire dai lingotti primari.

Le case automobilistiche, in particolare, stanno lottando per trovare alluminio sufficiente. I lunghi tempi di consegna e l’aumento dei prezzi, spingono gli acquirenti ad ordinare quantità di metallo in eccesso. Naturalmente, questo aggrava la tensione sulla disponibilità di materiale.

Alluminio P1020A – Magazzino Rotterdam DDP-Delivered Duty Paid-cash dollaro/ton

Alluminio P1020A – Magazzino Rotterdam DDP-Delivered Duty Paid-cash dollaro/ton

“I lunghi tempi di consegna e l’aumento dei prezzi spingono gli acquirenti ad ordinare in eccesso”

Molte aziende europee stanno cercando alluminio anche fuori dall’Europa, in Medio Oriente. Di conseguenza, i premi delle billette sono aumentati e gli estrusori si trovano con i loro margini di profitto sotto pressione. Il problema in Medio Oriente sono i tempi di consegna di non meno di 12 settimane al porto di partenza. A questo si aggiungono i tempi e le difficoltà del trasporto marittimo in questo periodo, con una disponibilità di container piuttosto limitata.

Alluminio P1020A – Magazzino Rotterdam DDU-Delivered Duty Unpaid-cash dollaro/ton

Alluminio P1020A – Magazzino Rotterdam DDU-Delivered Duty Unpaid-cash dollaro/ton

“Le aziende europee cercano alluminio anche in Medio Oriente, soggetto a tempi di consegna di non meno di 12 settimane”

Sul fronte grafico cosa aspettarsi?

La salita avviata da metà aprile 2020 (1460$) ha registrato ai primi di maggio 2021 un nuovo deciso massimo fino in zona 2.602 $/ton (+78%), con poche o quasi nulle pause correttive.

A livello statistico/stagionale il mese di giugno ha mostrato una tendenza negativa nelle ultime 3 settimane del mese. In effetti i prezzi ora sono in fase di discesa, almeno fino a fine mese.

A luglio invece, su tutti gli orizzonti temporali calcolati dall’ufficio studi di Commodity Evolution (5-10-15 anni), i prezzi hanno sempre mostrato una tendenza positiva.

Quindi, non dovrà stupirci se nell’ultima parte del mese di giugno i prezzi proseguiranno nell’attuale clima di negatività (che daranno un po’ di respiro alla catena di approvvigionamento) per poi assistere a luglio a nuovi rimbalzi delle quotazioni o comunque ad un’interruzione della flessione.

Alluminio 3 mesi $/ton – Grafico giornaliero

Alluminio 3 mesi $/ton – Grafico giornaliero

Stagionalità alluminio 3 mesi $/ton – 30-15-10-5 anni - Elaborazione Commodity Evolution

Stagionalità alluminio 3 mesi $/ton – 30-15-10-5 anni – Elaborazione Commodity Evolution

Come si posizionerà l’alluminio in €

L’alluminio cash in € bloomberg ha mantenuto la sostanzialmente la stessa impostazione delle quotazioni in $, con una flessione meno evidente nelle ultime sedute per effetto debolezza euro su dollaro che ha compresso con meno forza i prezzi espressi in valuta unica.

Nonostante ciò, non si esclude una flessione dei prezzi nell’ultima parte di giugno ed un possibile recupero nel mese successivo.

Alluminio cash € Bloomberg – Grafico giornaliero

Alluminio cash € Bloomberg – Grafico giornaliero
Alluminio cash € Bloomberg – Grafico giornaliero

Alluminio cash € Bloomberg – Grafico giornaliero

Condividi questo articolo e iscriviti per non perdere i prossimi

Commodity Evolution - Logo
Prova gratuita

Articolo a cura di commodityevolution.com, pubblicato il 18/06/2021.

Commodity Evolution è la piattaforma per rimanere costantemente aggiornato sul settore industriale e dei metalli. L’ufficio studi di Commodity Evolution effettua report e forecast dedicati su diversi metalli, rottami e materie prime. Tocca o clicca il pulsante a destra per richiedere una prova gratuita, o per avere maggiori informazioni.

Prova gratuita

Piombo: focus – Agosto 2022

Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Piombo: l'australiana Metals X attraversa un trimestre difficile Metals X ha pubblicato i risultati di quello che sembra essere stato un trimestre difficile su più fronti. Durante il secondo trimestre del 2022, dalla miniera di Renison sono state prodotte circa 2.154 tonnellate di stagno. Si tratta di un calo del 13% rispetto [...]

  • Russia, Bratsk: alluminio smelter

Alluminio: focus – Luglio 2022

Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 Alluminio: alti costi di produzione e forniture a rischio, scorte LME ai minimi dal 2005 L’alluminio è sceso al suo minimo in quasi cinque mesi, quando i fondi istituzionali hanno tagliato le loro posizioni in acquisto a causa del rallentamento della domanda, anche se le [...]

Stagno: focus – Giugno 2022

Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Stagno: la produzione cresce ma non pareggia la domanda Nonostante la forte ripresa della produzione, il mercato dello stagno è ancora pericolosamente a corto di offerta. Secondo l'International Tin Association (ITA) la produzione globale di stagno raffinato è aumentata dell’11%, raggiungendo le 378.400 tonnellate l’anno scorso. Ma se la produzione è [...]

Acciaio e ghisa: focus e forecast – Maggio 2022

Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il rally del mercato dell'acciaio sui problemi di approvvigionamento Il mercato globale dell’acciaio ha continuato a crescere nell’ultimo mese, dopo che l’interruzione della fornitura di ghisa in Ucraina e Russia ha portato a un’impennata dei costi delle materie prime. La ghisa è una delle materie prime chiave nella produzione dell’acciaio [...]

Rame: focus e forecast – Aprile 2022

Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Quotazione Rame e scenario geopolitico: la situazione Il mercato londinese del rame è stato brevemente scosso dal crollo dei margini che ha innescato la sospensione dell’8 marzo del mercato del nichel LME, con un picco di breve durata fino a un nuovo massimo storico di 10.845 dollari per tonnellata. Ma da allora il [...]

Nichel: focus e forecast – Marzo 2022

Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta Nichel – Alluminio – Rame: l’invasione russa dell’Ucraina avrà un impatto sull’offerta L’invasione russa dell’Ucraina dovrebbe avere un impatto significativo sull’offerta globale di alluminio e sui prezzi, mentre la notizia ha mandato i prezzi del nichel allo Shanghai Futures Exchange ad un massimo storico il 24 febbraio. Il [...]